La forte esplosione avvenuta all’Hotel Saratoga a L’Avana di Cuba ha provocato 22 morti e 60 feriti di cui 50 adulti e 14 bambini.

L’esplosione dell’hotel è avvenuta nella mattinata odierna verso le 11, ora locale del posto. Tra le vittime fino ad ora registrate si contano 22 morti e 60 feriti. Di questi, 50 sono persone adulte, i restanti 14 bambini. Alcuni dei feriti si trovano attualmente in condizioni critiche.

La struttura, chiusa da due anni, doveva riaprire al pubblico il 10 maggio per ospitare i turisti in occasione dell’arrivo della stagione estiva. Si tratta di un hotel 5 stelle, situato nella capitale di Cuba, L’Havana. La struttura si trovava al momento dell’esplosione in fase di restauro. Nell’accaduto sono stati coinvolti anche alcuni dei veicoli circostanti.

La fortissima esplosione, che ha ridotto l’albergo in un cumulo di macerie, è probabilmente accaduta a causa di una fuga di gas. La facciata principale dell’Hotel Saratoga a L’Havana, situato nella capitale della città di Cuba, è crollata. Insieme ad essa anche i primi quattro piano dell’edificio.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

“Non è stata una bomba o un attentato, ma solo uno sfortunato incidente”, cerca di rassicurare il Presidente della Repubblica Miguel Díaz-Canel, che nel frattempo ha fatto diramare un comunicato.

Nonostante le parole del Presidente della Repubblica, la popolazione è ancora preoccupata per la possibilità che si possa trattare di un attentato. Saranno gli accertamenti a stabilire quale sia stata la reale causa del disastro. Non sarebbe infatti la prima volta che Cuba subisce un attentato terroristico. Durante anni ’90 sono avvenuti vari attentati nella capitale cubana.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La serie degli attentati a Cuba

Durante l’estate del luglio 1997 furono disposti alcuni esplosivi proprio negli hotel, di Capri e Nacional. I danni coinvolsero anche alcune persone che rimasero ferite. Nella giornata del 4 settembre dello stesso anno, successe il medesimo fatto all’Hotel Chateau Miramar e Copacabana, e alla struttura alberghiera Neptuno-Tritón. Nell’accaduto all’Hotel Copacabana rimase vittima il giovane imprenditore genovese Fabio Di Celmo di 32 anni. Infine, sempre durante la notte del 4 settembre, un esplosivo scoppiò anche nel ristorante la Bodeguita del Medio, provocando alcuni feriti.

Insomma, Cuba non è nuova a questa situazione. Sarà quindi da accertare in maniera minuziosa la dinamica degli eventi di stamattina.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-05-2022


Delitto di Samarate: Alessandro Maja salta l’interrogatorio, ricoverato in psichiatria

Macerata, madre e figlio disabili muoiono di fame