Cure gratuite per i pazienti long Covid, Speranza: “Ho proposto che vengano stanziati 50 milioni di euro”.

Confermando le indiscrezioni emerse a mezzo stampa, il ministro della Salute Roberto Speranza ha comunicato all’Ansa che sono confermate le cure gratuite per i pazienti long Covid.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Dl Sostegni bis, Speranza: “Cure gratuite per i pazienti long Covid”

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che ha proposto che vengano stanziati 50 milioni di euro perché il Sistema Sanitario Nazionale prenda in carico gratuitamente i pazienti long Covid, ossia quelli che presentano sintomi e problemi anche dopo le dimissioni e la guarigione. Questi pazienti saranno quindi seguiti e curati gratuitamente.

Il coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione. Per questo ho proposto che vengano stanziati 50 milioni di euro affinché il Servizio sanitario nazionale prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera“, scrive il ministro Speranza in un post condiviso sulla propria pagina Facebook.

Un contributo alla ricerca

La proposta ha anche un secondo aspetto positivo. In questo modo è possibile monitorare gli effetti a lungo termine del Covid e dare un contributo considerevole alla ricerca, che evidentemente proseguirà anche quando terminerà l’emergenza sanitaria.

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

Come accedere all’assistenza sanitaria gratuita

I pazienti che hanno affrontato una forma grave del Covid e vengono dimessi dall’ospedale dopo la guarigione, per due anni potranno usufruire a titolo gratuito, quindi senza dover pagare il ticket, di prestazioni diagnostiche e specialistiche ambulatoriali. Ovviamente l’esenzione vale per visite legate a possibili conseguenze del virus.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 08-05-2021


Matrimoni, le regole per il ricevimento. Quanti invitati? Si può ballare?

Speranza ha firmato le nuove ordinanze: i colori delle Regioni dal 10 maggio