Milan, Cutrone e Suso una sentenza! Male Borini, Calhanoglu e Kessié

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Cutrone e Suso, dopo Crotone, si ripetono contro il Cagliari e regalano a un Milan non brillante tre punti pesanti. Questa volta Kessié non bene come anche Borini, mentre Calhanoglu è fuori forma.

Il Milan supera il Cagliari con molta fatica e ancora una volta a decidere la sfida è la strana coppia formata da Cutrone e Suso. Il giovane attaccante azzurro e il talento spagnolo sono le note più liete di queste prime apparizioni stagionali rossonere. E,infatti, sono i migliori secondo le valutazioni de La Gazzetta dello Sport.

Cutrone e Suso al top

Il 19enne prodotto del vivaio di Milanello e il classe ’93 di Cadice dimostrano di avere un’intesa pazzesca. Se a Crotone si sono scambiati l’assist, contro il Cagliari è stato Suso a imbeccare Cutrone, il quale ha messo in rete sfruttando un senso del gol da attaccante di razza. Per il classe ’98 sono già quattro i centri complessivi, considerando anche l’Europa League. Con questo rendimento, non sarà facile per André Silva e Kalinic scalzarlo dal centro dell’attacco. Per quanto riguarda Suso, urge quanto prima blindarlo con il rinnovo di contratto.

Male Calhanoglu, Borini e (anche) Kessié

Tra i flop di Milan-Cagliari, c’è sicuramente Calhanoglu. Il turco ex Leverkusen è uno dei più dotati dal punto di vista tecnico ma (sarà la condizione fisica?) contro i sardi trotterella in mezzo al campo non riuscendo mai a inventare qualcosa. Perde ben 13 palloni, molti dei quali potenzialmente pericolosi per la propria difesa, e va al tiro una sola volta, spedendo il pallone in curva. Altro voto nettamente insufficiente per Borini: l’azzurro gioca con la solita generosità ma sbaglia spesso i movimenti e i tempi di gioco. Inoltre, gioca nel tridente d’attacco ma non si segnala mai per le azioni offensive. Infine, un po’ a sorpresa, male anche Kessié. Finora, l’ex Atalanta era stato tra i migliori e aveva impressionato per presenza fisica, tecnica e personalità. L’ivoriano perde il duello con Barella e, soprattutto, perde il pallone dal quale nasce il momentaneo pareggio del Cagliari. Si riprende un po’ nell’ultima parte della gara.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 28-08-2017

Fabio Acri