Cutrone, parla il padre: “Lo vedo simile a Gattuso caratterialmente”

Nel giorno del ventesimo compleanno dell’attaccante, Pasquale Cutrone racconta il figlio ai microfoni della Gazzetta.

A suon di gol Patrick Cutrone ha conquistato non solo spazio nell’undici titolare della Prima squadra del Milan, ma anche l’affetto dei tifosi e le prime pagine dei giornali. Nel giorno del suo ventesimo compleanno, la Gazzetta dello Sport dedica proprio all’attaccante rossonero uno spazio importante, intervistandone il padre Pasquale. Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Gattuso lo ha definito tarantolato? È bello, ci sta. Noi lo chiamavamo Duracell: scarica gli altri e lui resta acceso. Caratterialmente lo vedo molto simile al suo allenatore“.

Cutrone, il padre: “Patrick non ha limiti

Orgoglioso, e non potrebbe essere altrimenti, del figlio, Pasquale continua nel suo racconto: “Patrick potenzialmente non ha limiti. Mi viene da sorridere perché Gattuso dice che lo vedrebbe bene anche in porta: ebbene, in un torneo Giovanissimi, contro la Juve, fu espulso il portiere e lui per non essere sostituito si mise fra i pali. E parò anche bene. Un suo pregio? È un generoso, anche fuori dal calcio. È un buono. Difetto? Dovrebbe imparare a godersi le vittorie, invece è già subito lì a pensare alla prossima partita. O meglio: se la partita successiva sarà titolare! Lui si arrabbia quando non gioca, ma noi gli rispondiamo che sta già facendo tanto“.

ultimo aggiornamento: 03-01-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X