CVV carta di credito, tutto quello che c’è da sapere sul codice di sicurezza: cosa è, dove si trova e sopratutto a cosa serve

La carta di credito è diventato lo strumento maggiormente usato per effettuare acquisti nei negozi fisici ed online. Con l’avvento dell’e-commerce le varie società emittenti hanno cominciato a realizzare una serie di codici per garantire al cliente maggiore sicurezza in fase di acquisto evitando così frodi online. Una comune carta di credito presenta una serie di informazioni: i dati dell’intestatario, mese e anno di scadenza, il logo del circuito, i numeri della carta impressi e il CVV (codice secure code).

CVV carta di credito

Il CVV della carta di credito cambia a seconda del circuito di pagamento. Si chiama CVV2 ( card validation code 2) per le carte di credito del circuito Visa, CVC2 (card verification code 2) per le carte del circuito MasterCard e CID (card identification Number) per le carte del circuito American Express, Diners Club e Discovered. Il Secure code, comunemente chiamato codice di sicurezza, è composto da tre cifre e non va assolutamente confuso con il PIN. Facciamo un pò di chiarezza: il CVV (codice numero di 3 cifre) è indispensabile per effettuare acquisti online, mentre il PIN (solitamente di quattro cifre) è richiesto durante le transazioni nei negozi fisici.

CVV: dove si trova?

Il CVV oltre a cambiare nome rispetto al circuito di pagamento cambia anche la sua posizione a seconda della società emittente. Sulla carte di credito MasterCard, Visa e Diners il Secure Code è posizionato sul retro della carta vicino alla firma del titolare e presenta tre cifre. Cambia invece la posizione del CVV sulle carte di credito American Express; in questo caso il Secure code è posizionato sul fronte della carta ed è composto da quattro cifre. Importante: non esiste attualmente una carta di credito sicura da frodi o altro. Sicuramente rispetto al passato è diventata molto più sicura per via di alcuni accorgimenti come il secure code e l’sms alert.

certificato_unicasim


Cosa sono le obbligazioni subordinate

Buonuscita e Tfr sono la stessa cosa?