Paolo Damilano candidato sindaco del Centrodestra a Torino. La scelta per la città della ‘Mole’ è caduta sull’imprenditore piemontese.

TORINO – E’ Paolo Damilano il candidato sindaco del Centrodestra a Torino. Nell’ultimo vertice, che ha visto protagonisti i tre leader, si è deciso di confermare l’imprenditore del food&beverage come loro uomo per le prossime elezioni nel capoluogo piemontese.

Una scelta che era nell’aria ormai da diverso tempo tanto che lo stesso Damilano aveva ufficializzato la sua lista civica ‘Torino bellissima’ con lo slogan C’è da fare. Nei prossimi giorni inizierà una lunga e impegnativa campagna elettorale in attesa di conoscere i propri avversari.

M5s e Pd non hanno sciolto i dubbi

E’ ancora in corso il confronto in casa M5s e Pd. Come successo a Roma, anche a Torino i due partiti dovrebbero presentarsi separati al primo turno per poi unirsi ad un eventuale ballottaggio. I grillini stanno riflettendo sul nome che può fare bene dopo la decisione di non candidarsi da parte della sindaca uscente Chiara Appendino.

Il Nazareno, invece, ha rimandato la scelta alle primarie. I candidati sono quattro: Igor Boni, Enzo Lavolta, Stefano Lo Russo e Francesco Tresso. Una decisione non senza polemiche vista l’assenza di donne in questa corsa.

Torino
Torino

Centrodestra e M5s al ballottaggio a Torino?

La campagna elettorale deve ancora iniziare ma si può ipotizzare un ballottaggio tra Centrodestra e M5s a Torino. I cinque anni di Chiara Appendino da tutti sono stati considerati positivi e per questo motivo i grillini sembrano partire con un vantaggio rispetto al Partito Democratico. Anche se molto dipenderà dai nomi che si deciderà di far scendere in campo in questa corsa.

Per quanto riguarda il Centrodestra, la coalizione ha dimostrato di essere unita e la speranza è quella di riuscire a vincere al primo turno. Però l’ipotesi più probabile sembra essere quella di un ballottaggio.


Chi è Enrico Michetti, candidato sindaco di Roma per il Centrodestra

Vaccini Covid, il Parlamento europeo chiede la revoca dei brevetti