Daniele Durante è morto all’età di 66 anni. Il direttore artistico della Fondazione ‘La Notte della Taranta’ era malato da tempo.

LECCE – Musica in lutto. E’ morto all’età di 66 anni Daniele Durante, considerato da molti il genio della Pizzica e soprattutto il direttore artistico della Fondazione La Notte della Taranta. Il musicista, come riportato dall’Ansa, si è spento nella sua casa di Lecce dopo una lunga malattia.

Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni, ma la famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sul quadro clinico dell’uomo e la notizia della scomparsa è stata data dalla Fondazione. L’edizione post pandemia sarà una grande festa per ricordarlo.

Chi era Daniele Durante

Una lunga carriera nel mondo della musica per Daniele Durante. E’ stato uno dei primi a pubblicare brani della tradizione popolare con i suoi arrangiamenti che saranno ricordati da tutti. Lavori che gli hanno ‘donato’ il soprannone di genio della Pizzica.

Negli ultimi anni si era dedicato alla Fondazione Notte della Taranta con il ruolo di direttore artistico. Una nomina che ha permesso all’evento di rinnovarsi e continuare ad accogliere giovani da tutta Italia. Ma non ha mai abbandonato la sua carriera musicale e tra i suoi lavori ci sono anche collaborazioni con autori come Clementino ed Enzo Avitabile.

Ambulanza
Ambulanza

Daniele Durante morto

La morte del musicista è stata comunicata dalla Fondazione nella giornata di domenica 6 giugno. Nonostante la malattia, Durante non ha mai messo da parte il suo lavoro e proprio nelle ultime settimane stava lavorando all’edizione online della Taranta in attesa di poter tornare in presenza per una delle manifestazioni più apprezzate in Italia.

Il quadro clinico, però, è peggiorato nelle ultime settimane e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Sicuramente le prossime edizioni della Notte della Taranta saranno dedicate al direttore artistico degli ultimi anni.


California, un giudice: “Via il bando sui fucili d’assalto, sono un’arma da difesa”

Zona Gialla e zona Bianca, le regole dal 7 giugno