Darko Kovacevic vittima di un agguato ad Atene. Le condizioni dell’ex calciatore sono gravi ma non è in pericolo di vita.

ATENE (GRECIA) – Darko Kovacevic vittima di un agguato ad Atene, in Grecia. Secondo le prime indiscrezioni, il 46enne stava uscendo dalla sua auto quando è stato raggiunto da due persone in sella ad una moto che hanno aperto il fuoco contro di lui.

L’ex calciatore è stato abile a ripararsi gettandosi sui sedili. Un gesto che gli ha salvato la vita visto che non ha riportato particolari conseguenze se non una ferita alla gamba. I motivi di questo agguato non si conoscono con le autorità locali che hanno aperto un’indagine per cercare di chiarire meglio la dinamica.

Le condizioni di Darko Kovacevic

Le condizioni di Darko Kovacevic sono gravi ma l’ex attaccante non è in pericolo di vita. Il 46enne si trova ricoverato in ospedale per curare la ferita alla gamba ma i medici hanno sciolto la prognosi con la vittima di questo agguato che è stata già ascoltata dagli inquirenti.

Non chiaro il motivo di questo gesto con le autorità locali che pensano ad un avvertimento nei suoi confronti. Indagini in corso per risalire ai responsabili della sparatoria contro Darko Kovacevic.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Chi è Darko Kovacevic

Darko Koavacevic è uno degli attaccanti serbi più conosciuti in tutto il mondo. Una carriera che è esplosa nella seconda metà degli anni ’90 con la maglia del Real Sociedad. Una società, quella spagnola, che ha segnato l’avventura da professionista della punta gli otto anni trascorsi divisi in due parti. Nel mezzo l’esperienza in Italia con le maglie di Juventus e Lazio.

Gli scarpini al chiodo sono stati messi dopo due stagioni con l’Olympiakos. Il club greco gli ha permesso anche di intraprendere una breve avventura di dirigente prima di allontanarsi dal mondo del calcio.

fonte foto copertina https://twitter.com/sowmyasofia

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 09-01-2020


Lega Serie A, Paolo Dal Pino il nuovo presidente

Iraq, razzi sulla Green Zone a Baghdad, vicino all’Ambasciata Usa. Nessuna vittima