Stabilita la data del decollo di Ita. La nuova compagnia inizierà a viaggiare dal 15 ottobre con i suoi 52 aerei.

ROMA – E’ il 15 ottobre la data del decollo di Ita. Dopo una lunga trattativa, il Governo e l’Unione Europea sono riusciti ad arrivare ad un compresso. Ad annunciare l’accordo è stato il Mef con un breve comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale.

La nota del Mef

Nella nota il Mef ha comunicato la conclusione in positivo “della discussione con la Commissione Europea sulla costituzione di Italia Trasporto Aereo. La nuova società sarà pienamente operativa a partire dal prossimo 15 ottobre, data in cui è previsto il decollo dei primi voli. La discussione con la Commissione Europea ha consentito di giungere ad una soluzione costruttiva ed equilibrata, che garantisce la discontinuità necessaria al rispetto della normativa europea. L’esito positivo dell’interlocuzione con gli uffici della Commissione consente di avviare le procedure relative all’aumento di capitale di Ita e crea le condizioni per la firma del Memorandum d’intesa per il passaggio di determinate attività da Alitalia a Ita“.

Con l’avvio dell’operatività di ITA – si legge ancora – si pongono le basi per un nuovo vettore nazionale per il trasporto aereo solido, sostenibile e indipendente, in grado di operare nel segno della discontinuità e con solide prospettive di crescita e sviluppo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Alitalia
Alitalia

La flotta e il personale di Ita

Per questa prima parte di attività, l’ITA dovrebbe operare con una flotta di 52 aerei e con un personale che sarà di poco meno di 3mila unità, ma che salirà a oltre 5mila dipendenti entro il 2025, a fine piano. L’obiettivo resta quello di dare vita ad una compagnia importante e che possa sfruttare il periodo autunnale per recuperare il terreno perso durante la pandemia.

L’accordo con Bruxelles è il primo passo. Ora si attende il 15 ottobre per capire meglio il futuro della nuova compagnia di bandiera.


Covid, cosa fare se si risulta positivi quando si è all’estero

Formula 1, GP Gran Bretagna: la conferenza stampa dei piloti