I dati di Fmi sul Pil italiano: nel 2020 una contrazione del 12,8 per cento con un ribalzo del +6,3 per cento nel 2021.

MILANO – Sono stati pubblicati i dati di Fmi (Fondo Monetario Internazionale) sul Pil italiano. Secondo l’ultimo aggiornamento, il nostro Paese nel 2020 dovrebbe avere una contrazione del 12,8% con un rimbalzo del +6,3% l’anno successivo.

Un valore che è stato raggiunto solo dalla Spagna e molto simile a quello della Francia (-12,5%). Per gli altri Stati dell’Eurozona la contrazione dovrebbe essere ad una sola cifra. L’unico Paese a registrare una crescita dovrebbe essere la Cina anche se solo dell’1%.

Il debito pubblico

L’emergenza coronavirus, inoltre, il debito e il deficit dei conti pubblici italiani aumenteranno dal 134,8% del 2019 al 166,1% del Pil poi poi diminuire al 161,9% nel 2021. Anche in questo caso ci sarà un peggioramento per tutti i Paesi dell’Eurozona.

Euro risparmi
Euro risparmi

Il Pil mondiale

Novità anche per quanto riguarda il Pil mondiale. La crescita del pianeta è stata rivista in negativo con una contrazione del 4,9% e una riduzione di 1,9 punti rispetto all’ultimo aggiornamento. Il rimbalzo nel 2021 sarà del 5,4%.

Borse in forte calo

La paura di un ritorno dei contagi frena ancora le Borse con Milano che al termine degli scambi ha perso il 3,42%. Peggio Francoforte (-3,59%), leggermente meglio Londra (-3,12%) e Parigi (-2,92%).

In rosso anche gli indici americani. Il Dow Jones ha chiuso la giornata con un -2,72% mentre il Nasdaq ha registrato un regresso del 2,19%. Male anche Tokyo con una discesa dello 0,07%.

Ritorna a salire lo spread che raggiunge quota 171 punti base con il decennale italiano che è pari all’1,249%. In forte calo anche il petrolio con il Wti con scadenza ad agosto dello 0,9% con una chiusura a 38,37 dollari. Chi cresce, invece, è l’oro che è salito fino a 1.779 dollari l’oncia, registrando il massimo dall’ottobre 2012. Numeri importanti visto l’andamento incerto dei mercati per una possibile ripresa dei contagi in tutto il mondo.


Cassa integrazione, via libera alla fruizione continuativa delle 18 settimane

Patteggiamento da 10,5 miliardi da parte di Bayer per chiudere 95mila cause