I dati Istat sull’indice nazionale dei prezzi al consumo: inflazione al più 3 per cento, il livello più alto registrato dal 2012.

Nel monitoraggio sul mese di ottobre, l’Istat registra un aumento dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività. L’Istituto sottolinea che l’accelerazione sembra in larga parte legata all’aumento dei prezzi dell’energia. Aumentano inoltre i prezzi legati ai trasporti.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Istat, ad ottobre aumenta l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività

“Nel mese di ottobre, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello 0,7% su base mensile e del 3,0% su base annua (da +2,5% del mese precedente); la stima preliminare era +2,9%“, si legge nella nota dell’Istat. “L’ulteriore accelerazione, su base tendenziale, dell’inflazione è in larga parte dovuta, anche nel mese di ottobre, ai prezzi dei beni energetici (da +20,2% di settembre a +24,9%) sia a quelli della componente regolamentata (da +34,3% a +42,3%) sia ai prezzi di quella non regolamentata (da +13,3% a +15,0%). Accelerano rispetto al mese di settembre, ma in misura minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti (da +2,0% a +2,4%)“.

soldi monete euro
soldi monete euro

I prezzi dei beni e i prezzi dei servizi

L’Istat registra inoltre, su base annua una accelerazione della crescita dei prezzi dei beni, mentre la crescita dei prezzi dei servizi risulta stabile.

Su base annua accelerano i prezzi dei beni (da +3,6% a +4,2%), mentre la crescita di quelli dei servizi è stabile (+1,3%); il differenziale inflazionistico tra questi ultimi e i prezzi dei beni rimane negativo (-2,9 punti percentuali), ampliandosi rispetto a quello registrato a settembre (-2,3)”.

L’accelerazione dei prezzi

“Accelerano i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +0,9% a +1,0%) e quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +2,6% a +3,1%)”, si legge ancora nella nota dell’Istat, nella quale si specifica poi che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati registra un aumento del 3% su base annua.

Di seguito il testo integrale della nota dell’Istat.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 16-11-2021


Mattarella, “Economia in forte recupero dopo la crisi”

L’Ecobonus auto potrebbe essere rifinanziato