Il Pil in crescita negativa su base annua: non succedeva dal 2013

Le stime Istat sul Pil: crescita (minima) rispetto ai tre mesi precedenti, su base annua si registra un calo dello 0,1 per cento. Non accadeva dal 2013.

Torna negativo il Pil tendenziale per quanto riguarda il primo trimestre del 2019. Il dato si attesta al -0,1%, un fatto che l’ultima volta si è registrato nell’ultimo trimestre del 2013.

Istat, i dati sul Pil a maggio: si cresce rispetto ai tre mesi precedenti, c’è un calo su base annua

I dati dell’Istat sul Prodotto Interno Lordo segnalano una crescita del Pil dello 0,1% rispetto ai mesi precedenti ma anche un calo dello 0,1% su base annua, numeri che non possono non preoccupare il governo, gli investitori e gli italiani.

L’ultima stima effettuata dall’Istituto vede quindi una revisione al ribasso del Pil sia in termini congiunturali che a livello tendenziale.

Istat
Fonte foto: https://www.facebook.com/IstatCensimentiGiornoDopoGiorno

Oggi la lettera dell’Italia all’Unione europea

Non c’è dubbio che non siano i numeri migliori per rispondere alla lettera inviata dall’Unione europea. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria continua a sostenere che non ci sarà bisogno di una manovra correttiva e che i dati sul debito pubblico italiano faranno registrare un sensibile miglioramento nel breve-medio termine.

Salvini dal canto suo continua a minimizzare sia le preoccupazioni dell’Europa che quelle degli istituti italiani. Il leader della Lega continua a spingere per la realizzazione della flat tax e per una serie di misure espansive che potrebbero far aumentare il debito a fronte di una crescita del Pil praticamente inesistente.

La sensazione è che la vecchia Europa possa non accettare la situazione italiana e possa decidere di avviare una procedura di infrazione per debito, una mossa che potrebbe fermare al palo ogni speranza di crescita per l’Italia e per gli italiani.

ultimo aggiornamento: 31-05-2019

X