I dati OCSE sulla spesa sull'istruzione: l'Italia risparmia

Scuola, l’Italia non spende molto nell’istruzione: solo il 3,6 per cento del PIL

I dati Ocse sulla spesa sull’istruzione confermano un’Italia avara. Solo il 3,6 per cento del PIL speso nella scuola.

ROMA – I dati Ocse sulla spesa sull’istruzione mettono in evidenza una Italia avara per quanto riguarda la scuola. Secondo il rapporto annuale Education at a glance 2019 il nostro Paese spende solo il 3,6% del PIL sul sistema scolastico e universitario. Si tratta di una cifra bassa rispetto alla media europea che si avvicina al 5%.

Numeri che chiedono all’Italia un cambiamento obbligatorio in questo campo. Infatti il rapporto precisa anche come la percentuale di laureati in Italia è ancora molto bassa mentre il 59% dei docenti ha una età media superiore ai 50 anni. Uno scenario non proprio eccezionale che si mette davanti al nuovo ministro Fioramonti. Toccherà, infatti, proprio a lui cercare di riportare il nostro Paese al pari degli altri Stati europei.

Università in ritardo

Come detto in precedenza il quadro diventa sempre più grave se si guarda al mondo dei laureati. Tra i 25 e i 34 anni solo il 28% è in possesso del titolo di studio universitario. A differenza di Germania, Spagna, Francia e Regno Unito che superano il 30%. Un gap non semplice da colmare visto che secondo quanto riferito dall’Ocse in Italia sol il 37% degli under 25 intraprenderà una carriera universitaria rispetto alla media europea che è del 35%.

Scuola
Fonte foto: https://www.facebook.com/alessandra.tomi

Le mosse del Governo

Il Governo è chiamato assolutamente ad una risposta per vedere migliorare questi numeri. Un compito non semplice per il ministro Fioramonti. Il nuovo titolare del MIUR nelle prossime settimane dovrà cercare di rendere ancora più semplice il mondo dell’istruzione per provare a ringiovanire il corpo docenti e permettere agli studenti di accedere all’università.

Un sistema universitario ricco di tasse e di test che non permette a tutti l’ingresso. E i dati Ocse confermano una situazione davvero critica per quanto riguarda il mondo dell’istruzione italiano.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/alessandra.tomi

ultimo aggiornamento: 16-09-2019

X