Dati sensibili, anche Google ne ha molti: scopriamo chi può vederli

Nell’ultimo periodo c’è molta più attenzione ai dati sensibili che i siti più importanti conservano su di noi. Vediamo quali siti e App hanno accesso a quelli che abbiamo su Google.

I recenti scandali in cui è stato coinvolto Facebook hanno aumentato molto la nostra attenzione per i dati sensibili. Ma non dobbiamo dimenticarci che Facebook non è affatto l’unico a possedere molte informazioni su di noi. Anzi, rispetto ad altri siti e servizi dispone di un numero di informazioni personali piuttosto limitato.

Google dal canto suo, pur essendo leggermente più restio a cederli, ne ha molti. E con il sistema di autenticazione universale (il pulsante accedi con Google che si trova in un numero sempre crescente di siti) il rischio di “regalare” i nostri dati personali è sempre in agguato. Vediamo come scoprire quali siti e app possono vederli e utilizzarli.

Dati sensibili, su Google si controllano in un minuto

Per fortuna il controllo è molto rapido e semplice, anche se è più comodo su un computer desktop. Vediamo come fare.

Come prima cosa, accediamo all’indirizzo myaccount.google.com, l’accesso universale a tutte le informazioni del nostro account di Google.

Qui, nella sezione Accesso e sicurezza, facciamo clic su App che accedono all’account.

dati sensibili google impostazioni account

Dati sensibili, la lista potrebbe essere lunga

Come tutti i sistemi di questo tipo, anche l’autenticazione di Google non dimentica, per cui troveremo elencati di sicuro anche servizi che abbiamo usato una volta nel 2011, oppure che abbiamo attivato perché eravamo di corsa. Nessun problema, facciamo clic su Gestione applicazioni per vedere la lista completa e gestirla.

dati sensibili google gestione applicazioni

La prima parte dell’elenco offre le App di terze parti, in ordine alfabetico, e per ciascuna elenca gli accessi di cui dispone. Facendo clic su una qualsiasi apriremo i dettagli e, soprattutto, abbiamo la possibilità di fare clic su Rimuovi accesso per bloccarla immediatamente.

dati sensibili google rimuovi accesso

Al di sotto delle App di terze parti si trovano quelle di Google, che vengono trattate allo stesso modo.

Dati sensibili su Google: un consiglio

Per decidere quali account eliminare, basta usare qualche piccola regola di buon senso. Di base, possiamo usare lo stesso criterio suggerito per Facebook: per esempio, se non usiamo una App o un servizio da più di sei mesi, è abbastanza improbabile che lo useremo di nuovo.

Se nemmeno ci ricordiamo a cosa serve, facciamo una rapida visita sul sito: si trova nei dettagli una volta fatto clic su una App. Magari si tratta di qualcosa che usavamo tempo prima, oppure che abbiamo solo provato usando i dati di accesso di Google per comodità.

Tutti casi in cui, se vogliamo tenere il più possibile al sicuro le nostre informazioni personali, possiamo senza dubbio bloccare gli accessi. Nella peggiore delle ipotesi, li potremo riattivare quando serve.

Fonte foto copertina:pixabay.com/it/hacker-hacking-sicurezza-informatica-1944688/

ultimo aggiornamento: 23-04-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X