Rito abbreviato, il Senato approva il nuovo disegno di legge. Bonafede: chi sbaglia paga

Il Senato ha approvato il nuovo disegno di legge sul rito abbreviato. Nessuno sconto di pena per i condannati all’ergastolo.

ROMA – Chi sarà condannato all’ergastolo non potrà chiedere il giudizio abbreviato. Il nuovo disegno di legge presentato da M5s è stato approvato dal Senato con 168 sì, 48 no e 43 astenuti. Tra i voti a favore sia Fratelli d’Italia che Liberi e Uguali.

Tutto ci divide – spiega Pietro Gasso leader di LeU – con la maggioranza ma ritengo questa legge giusta anche se continuo a denunciare l’errore madornale di provvedimenti specifici in materia penale invece di una più larga revisione dell’intera procedura“.

Si astiene, invece, Forza Italia. Una scelta spiegata dal senatore Enrico Aimi: “Per noi il rito abbreviato deve essere conservato perché garantisce anche a favore delle persone offese in un procedimento oppure i pentiti. La nostra è stata un’astensione benevola. Dobbiamo tornare con i piedi per terra e chiedere se davvero questa legge porta i benefici previsti“.

Senato
Senato

Rito abbreviato, approvato il decreto legge. Bonafede: “Con noi chi sbaglia paga. Diamo un segnale forte ai cittadini”

L’approvazione del decreto legge sul rito abbreviato fa esultare il M5s e in particolare il ministro Bonafede che ai giornalisti dichiara: “Con questa legge – riporta Il Fatto Quotidianodiamo un segnale fortissimo a tutti i cittadini di questo Paese. Ora c’è la certezza della pena, non si sono più quegli sconti di pena a cui i criminali un po’ si sono abituati in questo Paese quando ci sono reati gravissimi. Si tratta di un segnale forte a tutti i cittadini onesti. Chi sbaglia con noi al governo paga. E il via libera a questa legge è un tassello molto importante in questa direzione e soprattutto un altro punto del contratto di governo che diventa legge“. Con il tacito assenso della Lega che ha approvato questo decreto senza particolari obiezioni.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865

ultimo aggiornamento: 03-04-2019

X