Luigi de Magistris scioglie le riserve: si candida a Presidente della Regione Calabria. Si vota il prossimo 11 aprile.

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha confermato la sua intenzione di candidarsi a presidente della Regione Calabria. L’annuncio è arrivato con una mail.

Luigi de Magistris si candida a presidente della Regione Calabria

Da giorni si ipotizzava un’avventura elettorale di de Magistris in Calabria, e la conferma è arrivata nella giornata de 19 gennaio con una mail firmata dallo stesso Luigi de Magistris: “Mi candido a presidente della Regione Calabria“.

“Sono sempre più convinto di sciogliere positivamente la riserva perché le sollecitazioni mi sono venute dal basso e perché mi sento profondamente legato alla Calabria. È una sfida che ha anche delle similitudini, pur con le debite differenze, con ciò che accadde a Napoli 10 anni fa“, spiega Luigi de Magistris come riferito da la Repubblica illustrando le motivazioni che lo hanno spinto a candidarsi per la Presidenza.

Luigi de Magistris
Luigi de Magistris

Le elezioni regionali in Calabria

De Magistris ha scelto di fare rotta verso la Calabria non potendo più correre per la città di Napoli, che ha guidato per due mandati consecutivi. Le elezioni in Calabria sono fissate per il prossimo 11 aprile e il sindaco di Napoli dovrebbe presentarsi, stando alle indiscrezioni, con una coalizione civica esterna agli schieramenti politici tradizionali. Il sindaco di Napoli scommette quindi sulla persona confidando sulla sua immagine e sulla bontà del lavoro svolto alla guida di Napoli. Negli ultimi mesi il primo cittadino di Napoli è venuto alla ribalta come avversario di un personaggio pubblico del calibro di De Luca, presidente della Regione Calabria.

Il rapporto di de Magistris con la Regione

Lo stesso de Magistris ha un rapporto consolidato con la Regione alla luce della sua esperienza come pubblico ministero che lo ha portato a conoscere da vicino il territorio e le sue mille e complesse sfaccettature.


Conte alla prova del Senato. “Difficile lavorare con chi semina mine, il Paese merita un governo coeso”

Tommaso Cerno vota la fiducia al governo e ritorna nel Partito Democratico