Dean Stockwell è morto all’età di 85 anni. L’attore era conosciuto per aver presto parte alla serie tv ‘In viaggio nel tempo”.

LOS ANGELES (STATI UNITI) – Nuovo lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 85 anni Dean Stockwell, conosciuto da tutti per aver fatto parte del cast della serie tv In viaggio nel tempo. Come precisato da La Repubblica, il decesso è avvenuto lo scorso 7 novembre, ma i familiari hanno preferito comunicare la notizia solo qualche giorno dopo.

Non si hanno ulteriori dettagli su questa scomparsa e i parenti dell’uomo hanno preferito mantenere il massimo riserbo anche per volontà dello stesso attore.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Chi era Dean Stockwell

Nato in California il 5 marzo 1936, Dean Stockwell è cresciuto nel mondo del cinema anche perché i genitori erano due attori. La sua esperienza a soli sette anni e a nove è stato scelto per affiancare due ‘mostri sacri’ come Franck Sinatra e Gene Kelly.

Da qui è iniziata una lunga e importante carriera sul grande schermo che lo ha portato a vincere due volte la categoria di miglior attore al Festival di Cannes. Un nome, come detto, molto conosciuto da tutti gli appassionati anche se il suo profilo sarà fortemente legato a due capolavori del cinema internazionale come Beverly Hills cop II e In viaggio nel tempo dove ha interpretato il ruolo di Al Calavicci.

Cinema
Cinema

La morte

La notizia della scomparsa dell’attore è stata dai familiari nella giornata di martedì 9 novembre, circa 48 ore dopo il decesso dell’uomo. Si è preferiti non entrare nei dettagli delle cause della scomparsa, ma sui social sono stati diversi i messaggi di cordoglio nei confronti dell’artista e della sua famiglia.

E nelle prossime settimane non si esclude un evento per ricordare l’attore sicuramente molto apprezzato dai colleghi e non solo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-11-2021


Covid, ricoveri in terapia intensiva: due Regioni sopra la soglia di rischio. E torna lo spettro della zona Gialla

La Cassazione: pausa caffè a rischio e pericolo del lavoratore, niente malattia o invalidità