Decreto crescita nel calcio italiano: addio ai bonus per gli acquisti
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Decreto crescita nel calcio italiano: addio ai bonus per gli acquisti

Calciatore pallone

Il Decreto Crescita influenzerà il calciomercato italiano a partire dal 2024 e quali saranno le principali ripercussioni per a Serie A.

Il panorama calcistico italiano sta attraversando un momento di grande cambiamento, il Decreto Crescita, che ha avuto un impatto notevole sul calciomercato negli ultimi anni, sta per subire delle modifiche significative.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Calciatore pallone

Il Decreto Crescita e il suo impatto sul calcio

Entrato in vigore nel gennaio del 2017, il Decreto Crescita ha rappresentato una vera e propria rivoluzione per il calcio italiano. Questa legge, la 24bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, ha offerto agevolazioni fiscali per chi decideva di stabilire una nuova residenza in Italia. In particolare, ha permesso a chi aveva un alto reddito e si trasferiva in Italia (o agli italiani che avevano vissuto all’estero per almeno 9 degli ultimi 10 anni) di beneficiare di una tassa fissa di 100mila euro sui proventi da fonte estera, con un limite massimo di 15 anni.

Le novità in arrivo

Ma ora, tutto sta per cambiare. A seguito del Consiglio dei Ministri del 16 ottobre 2023, il Governo ha annunciato una stretta sugli sconti fiscali per i lavoratori provenienti dall’estero. Questo significa che i calciatori non potranno più usufruire delle agevolazioni previste dal Decreto Crescita. La nuova normativa entrerà in vigore il 1 gennaio 2024, ma avrà ripercussioni anche sui contratti firmati durante la scorsa sessione estiva di calciomercato.

Il Governo ha comunicato che, a partire dal 2024, i lavoratori che trasferiscono la loro residenza fiscale in Italia potranno beneficiare di un regime agevolato per un massimo di 5 anni. Questo prevede una riduzione della tassazione del 50% fino a un reddito di 600.000 euro, ma solo per i lavoratori con elevata qualificazione o specializzazione.

Questo cambiamento avrà un impatto significativo sulle strategie delle squadre di Serie A. Molti giocatori, come Thuram e Pavard per l’Inter, Pulisic e Loftus Cheek per il Milan, e Weah per la Juventus, avevano firmato contratti contando sulle agevolazioni del Decreto Crescita. Ora, con la modifica in arrivo, le società dovranno rivedere le loro strategie, in particolare per quanto riguarda l’acquisto di calciatori stranieri.

In conclusione, il mondo del calcio italiano si trova di fronte a una nuova sfida. Le squadre dovranno adattarsi a questo cambiamento e trovare nuove strategie per rimanere competitive sul mercato.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2023 18:52

Nicolò Zaniolo e le accuse di scommesse: la verità emerge

nl pixel