Un decreto per la prevenzione e la cura della ludopatia. Il ministro Speranza: “E’ una dipendenza pericolosa”.

ROMA – Un decreto per la prevenzione e la cura della ludopatia. E’ questo quanto deciso dal ministro Speranza per cercare di aiutare le persone che hanno questa dipendenza. Si tratta di una prima volta assoluta in Italia e nelle prossime settimane potrebbero esserci dei primi risultati di questa decisione.

Cosa prevede il decreto

Nel decreto è previsto che le Regioni dovranno provvedere a dare attuazione a tali linee attraverso misure che favoriscano l’integrazione tra i servizi pubblici e le strutture private accreditate, gli enti del Terzo settore e le associazioni di auto-aiuto della rete territoriale locale.

Nella nota, riportata dall’Adnkronos, è precisato che “il disturbo da gioco d’azzardo è una patologia che produce effetti sulle relazioni sociali o sulla salute seriamente invalidanti. Può assumere la connotazione di un vero e proprio disturbo psichiatrico ed è a tutti gli effetti una dipendenza psicologica. Secondo il precedente Dsm-IV, la prevalenza tra la popolazioen, con una maggiore diffusione tra familiari e parenti di giocatori. L’Iss stima che in Italia è un’attività che coinvolge una popolazione di circa 5,2 milioni abitudinari di cui 1,2 milioni sono considerati problematici, ovvero con dipendenza“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Il post di Speranza sui social

Ad annunciare il nuovo decreto è stato anche il ministro Speranza con un breve post sui social. “La ludopatia – si legge – è una dipendenza pericolosa che colpisce anche i più giovani. Il primo passo è riconoscerla, ma poi è necessario intervenire. Per questo ho firmato un provvedimento per l’adozione di un regolamento nazionale per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone affette dal gioco d’azzardo“.

Una misura che fino a questo momento non era mai stata presa e sicuramente nelle prossime settimane ci saranno i primi risultati di questa decisione.


La Lombardia vicina all’immunità di gregge

E’ morto il regista Graham Vick