Trovato un accordo per la proroga dei navigator fino alla fine del mese di aprile: la svolta con il decreto Recovery.

Arriva con il decreto Recovery la proroga fino alla fine del prossimo mese di aprile per i navigator. Le figure professionali nate con il Reddito di Cittadinanza vengono quindi confermate fino al 30 aprile 2022.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Con il decreto Recovery arriva la proroga per i navigator

È stato raggiunto un buon accordo per la proroga del contratto dei navigator. Un importante passo avanti rispetto all’emendamento presentato venerdì scorso dai relatori di PD e Forza Italia al decreto Recovery“, hanno fatto sapere Niccolò Invidia e Daniela Torto.

L’accordo prevede una proroga dei contratti dei navigator con Anpal. Vengono quindi escluse le Regioni, a differenza di quanto previsto nel primo accordo.

Si chiude così la partita sui navigatori, scesi in piazza lo scorso mese di novembre per manifestare contro il possibile licenziamento.

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza

L’impiego dei navigator nell’attuazione del Pnrr

Sempre per quanto riguarda i navigator, è previsto un confronto al Ministero del Lavoro per coinvolgere queste figure professionali nell’attuazione del Pnrr. L’idea è che i navigator possano dare un contributo all’attuazione del Piano di ripresa.

Chi sono i navigator

I navigator sono figure professionali nate con il Reddito di Cittadinanza. Hanno il compito di collaborare con i centri per l’impiego per trovare un’occupazione ai beneficiari della misura. Misura modificata dal Presidente del Consiglio Mario Draghi che ha deciso di confermare e prorogare la misura ma con intervenendo nell’ambito dei controlli preventivi e nell’ambito occupazionale per evitare che il Reddito di Cittadinanza si trasformi in una misura meramente assistenziale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-12-2021


Speranza, “Restrizioni per continuare a tenere alto il livello di sorveglianza e assistenza”

L’Ue contro le restrizioni: devono essere basate su criteri oggettivi