Decreto Rilancio in Gazzetta ufficiale, Gualtieri: 'Aiuti in pochi giorni'

Decreto Rilancio in Gazzetta ufficiale, Gualtieri: ‘Aiuti subito disponibili’

Il decreto Rilancio arriva in Gazzetta ufficiale dopo la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Gualtieri, ‘Aiuti subito disponibili’.

Dopo le polemiche e i sospetti, il decreto Rilancio arriva in Gazzetta ufficiale dopo la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il ministro dell’Economia Gualtieri ha assicurato che il bonus agli autonomi sarà pagato nel giro di pochi giorni, come aveva annunciato anche il premier Conte in occasione della conferenza stampa nella quale ha annunciato il decreto approvato dal Consiglio dei Ministri.

Decreto Rilancio in Gazzetta ufficiale, Gualtieri: aiuti subito disponibili

Il ministro Gualtieri ha assicurato che nel giro di due o tre giorni agli autonomi sarà riconosciuto il pagamento del bonus. Inoltre lo stesso Gualtieri ha evidenziato come gli aiuti saranno subito disponibili.

Roberto Gualtieri

Il decreto Rilancio

Il testo del decreto conta più di 260 articoli, che rendono l’idea dell’importanza e della rilevanza del provvedimento.

Tra i provvedimenti inclusi nel testo segnaliamo il bonus baby sitter, che potrà essere utilizzato anche per pagare il centro estivo. La richiesta del bonus potrà essere avanzata già a partire dalla data del 20 maggio.

Il decreto Rilancio guarda anche agli autonomi (rafforzando il bonus) e alle piccole e medie imprese, che potranno avvalersi di un ventaglio di iniziative, come gli aiuti a fondo perduto (Cosa prevede il decreto Rilancio).

euro
euro

La prova del Parlamento

Ma l’iter non è finito e gli ostacoli sul percorso sono tanti ed insidiosi. Il testo del decreto Rilancio deve infatti passare per l’analisi del Parlamento. Il Centrodestra prepara la resistenza politica e si prevedono svariate centinaia di emendamenti. Solo dal Centrodestra. A questi si potrebbero aggiungere anche gli emendamenti provenienti dalla maggioranza di governo, quelli più temuti dal ministro Gualtieri e dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

ultimo aggiornamento: 20-05-2020

X