Il Consiglio dei Ministri approva il decreto Sblocca Cantieri. Via libera anche al decreto Calabria.

Il Consiglio dei Ministri approva il decreto Sblocca Cantieri. Dopo l’incontro tra il capo dello Stato Sergio Mattarella e il premier Giuseppe Conte, il governo italiano ha accelerato sui dossier lasciati in sospeso negli ultimi mesi.

Decreto Sblocca Cantieri approvato in Consiglio dei Ministri

Già prima della fine del Consiglio dei Ministri, fonti di governo hanno confermato agli organi di stampa l’approvazione del decreto Sblocca Cantieri.

Sarebbe stata importante per sbloccare la situazione la mediazione del capo dello Stato Sergio Mattarella che a telecamere e riflettori spenti ha voluto incontrare il capo del governo Giuseppe Conte per chiedere che il governo si muovesse in maniera attiva e concreta per iniziare a sbloccare i dossier congelati sul tavolo dei ministri.

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Approvato anche il decreto Calabria

Il Consiglio dei Ministri sarebbe arrivato a un accordo anche per quanto il cosiddetto decreto Calabria, il provvedimento mirato all’intervento sulla sanità calabrese.

Con il decreto il governo assume di fatto il controllo della Sanità della regione Calabria, che viene di fatto commissariate.

Le nomine passeranno infatti dall’approvazione da parte di un commissario che sarà nominato dal governo.

“Daremo dei superpoteri ai commissari da me indicati. Potranno nominare i vertici delle aziende sanitarie e ospedaliere e non potrà più farlo il governatore come previsto dalla legge fino ad ora dalla legge sui commissariamenti.

Inoltre imponiamo che tutti gli acquisti vengano fatti attraverso la Consip o altre Regioni che abbiano centrali uniche per gli acquisti”, ha dichiarato il Ministro Grillo spiegando gli effetti e i contenuti del Decreto Calabria.


Contrasto al governo, il MoVimento vuole la testa di Siri

Marchi storici, la Lega accusa: Il Movimento Cinque Stelle ci copia