Il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza presentano in conferenza stampa il decreto Super Green Pass.

Il governo opta per la stretta contro il no Vax con il nuovo decreto sul Super Green Pass, presentato in conferenza stampa dal Presidente del Consiglio Mario Draghi e dal Ministro della Salute Roberto Speranza.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Decreto Super Green Pass, la conferenza stampa del Presidente del Consiglio Mario Draghi

La situazione italiana è oggi sotto controllo, siamo in una delle situazioni migliori in Europa grazie alla campagna vaccinale che è stato un successo notevole“, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Mario Draghi. “La situazione però è in lieve ma costante peggioramento. E dobbiamo considerare che non siamo nel pieno dell’inverno e anche che la copertura vaccinale inizia ad indebolirsi. Per questo si è deciso di anticipare la somministrazione della terza dose a cinque mesi e non a cinque. Quello che dicono i governatori delle Regioni è che vogliamo prevenire per preservare. Vogliamo essere molto prudenti per difendere quello che abbiamo conquistato quest’anno. I pensieri vanno ai morti, alla caduta economica, ai ricordi di attività economiche chiusi, i ragazzi che hanno fatto un anno di scuola in assenza e non sono stati beni. Soprattutto i ricordi della povertà di come è cresciuta“, ha proseguito il Premier Draghi.

Vogliamo conservare questa normalità, non vogliamo rischi. È con questo spirito che questi provvedimenti sono stati presi”.

Mario Draghi
Mario Draghi

Speranza illustra il nuovo decreto: “Dal 6 dicembre Green Pass rafforzato dalla zona Bianca”

Ci sono quattro ambiti. Il primo ha a che fare con la questione dell’obbligo. L’obbligo è in vigore per gli operatori sanitari e le Rsa. Estendiamo l’obbligo al personale non sanitario che lavora nei servizi ospedalieri, alle forze dell’ordine e al personale scolastico. L’obbligo vale anche per la terza dose o il richiamo.

Il secondo ambito di intervento è il Green Pass. Estendiamo l’utilizzo del Green Pass agli alberghi, al trasporto ferroviaro regionale e interregionale e al trasporto pubblico e agli spogliatoi di tutte le attività sportive. Il Green Pass durava 12 mesi, il Cts ha indicato i nove mesi come durata idonea.

Il terzo ambito ha a che fare con il Green Pass rafforzato. Il Green Pass si ottiene con la guarigione, il vaccino e il tampone. Noi riteniamo che per una fase temporale tra il 6 dicembre e il 15 gennaio il certificato verde si potrà ottenere solo con Green Pass e tampone già dalla zona Bianca. Nel passaggio di colore eviteremo restrizioni per le persone vaccinate.

Il quarto ambito ha a che fare con i controlli. Si procede con un rafforzamento dei controlli. Viene chiesto ai comitati provinciali di sicurezza e ordine pubblico di fornire un piano e di sicurezza e chiediamo un rapporto settimane.

Concludo dicendo che abbiamo scelto di anticipare la possibilità di avere il richiamo a cinque mesi e non più a sei mesi e ci apprestiamo a una ulteriore modifica attiva dal 1 dicembre che ci permette di allargare la platea anagrafica delle persone che possono avere la terza. Dal 1 dicembre sarà possibile avere la dose sopra i 18 anni“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

coronavirus governo Draghi vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 24-11-2021


Green Pass, l’Italia adotta il modello 2G: cos’è e come funziona

Magistratura, Mattarella: “Serve ritrovare rigore”