Investimenti a basso stress

La definizione di risparmio gestito è semplice: investimenti messi in atto con risparmi privati amministrati da professionisti.

I vantaggi (soprattutto fiscali) del risparmio gestito

Il motivo fondamentale per cui negli ultimi anni il risparmio gestito ha attirato moltissimi piccoli risparmiatori italiani è che su di esso grava una pressione fiscale minima. La forma di risparmio gestito che ha attratto di più l’attenzione dei piccoli investitori è il cosiddetto PIR: Piano Individuale di Risparmio.

I Piani Individuali di Risparmio sono prodotti finanziari recentissimi. Introdotti dalla Legge di Bilancio attualmente in vigore, sono finalizzati a indirizzare i risparmi degli italiani verso le piccole e medie imprese emergenti. Si tratta di investimenti a medio termine: i fondi investiti in un PIR non devono essere disinvestiti per almeno 5 anni e non possono superare il tetto dei 30.000 Euro. Un singolo investitore inoltre non può investire in vari piani individuali una somma maggiore di 150.000 Euro. Rispettando tali limitazioni chi ha sottoscritto un piano fiscale sarà completamente sollevato da ogni carico fiscale. Nello specifico chi sceglie di investire in PIR non paga tasse sul capital gain, sui dividendi, sulle donazioni e sulle successioni. 

La definizione di risparmio gestito: un tranquillità pagata a caro prezzo

Tecnicamente si definisce risparmio gestito un capitale appartenente ad un privato che sia amministrato da uno o più operatori professionisti che hanno ricevuto mandato ufficiale di farlo.

Naturalmente le prestazioni di un professionista hanno un costo e non è inusuale che i Piani Individuali di Risparmio prevedano costi di apertura, di gestione e di performance. Tali costi, cumulati tra di loro, potrebbero ammontare a una cifra tale da rendere poco conveniente o semplicemente sconveniente l’investimento poiché al risparmio dovuto al mancato pagamento delle tasse, si oppongono costi che con una diversa asset allocation non si sarebbe tenuti a sostenere.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 24-05-2017


Incentivi per aprire un’attività: l’UE sostiene la micro imprenditoria

Le differenze tra risparmio gestito e amministrato, soprattutto a livello fiscale