Milano, 26 Luglio 1971. Simonetta Ferrero è una ragazza di 26 anni, residente in città con i genitori. La Ferrero lavora per Montedison.

Quel sabato mattina del 26 Luglio del 71′, la Ferrero esce di casa alle 10.30 per il disbrigo di alcune incombenze, prima della partenza per le vacanze insieme alla famiglia.

Lungo il tragitto, la ragazza decide di fare una sosta nei bagni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, il centro dove si era laureata e che conosceva molto bene. Dal quel bagno, Simonetta non ne uscirà più viva.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Una fine terribile

Sono le 8:30 e Mario Toso, seminarista di 21 anni della Cattolica, sta attraversando l’istituto quando sente il rumore di un rubinetto aperto, proveniente dal bagno delle donne. Decide di dare un’occhiata e fa una terribile scoperta, trovandosi davanti a uno scenario agghiacciante.

Sul pavimento, il corpo di Simonetta, ricoperto di sangue. Toso, in preda al panico, scappa a cercare aiuto. Sul posto, arrivano subito studenti e professori. Viene allertata anche la Polizia. La ragazza è stata colpita da trentatré coltellate, sette delle quali sono state fatali. Nessun segna di violenza sessuale sul corpo.
Dalla scena del crimine si palesa subito il fatto che l’aggressione è avvenuta all’interno del bagno, dove l’assassino ha assalito Simonetta.

Violenza donna ragazza
Violenza donna ragazza

Inizialmente gli inquirenti interrogarono Mario Toso, il ragazzo che aveva scoperto il corpo. Dopo un lungo interrogatorio, venne ufficialmente dichiarato estraneo ai fatti. Furono indagati e ascoltati anche i quattro muratori che stavano svolgendo i lavori all’interno dell’edificio.

Resta la possibilità che la ragazza sia stata uccisa da uno squilibrato che girovagava in quelle zone, ma nonostante gli sforzi degli inquirenti per identificare il soggetto, nessuno riuscì mai a focalizzare l’assassino. Il delitto della Cattolica resta ad oggi, dopo oltre cinquant’anni, un caso irrisolto. Un omicidio brutale e tragico che speriamo non si ripeta più nel corso della storia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 01-08-2022


Omicidio di Alika, Ferlazzo: “Chiedo scusa” 

Giulia e Alessia Pisanu: l’ultima telefonata al padre e i dubbi sulla vicenda