Delitto Chiara Poggi, la Cassazione conferma la condanna ad Alberto Stasi

La Cassazione non ha accolto il ricorso della sospensione di pena e appello ter. Alberto Stasi sta scontando una condanna di 16 anni.

chiudi

Caricamento Player...

La Cassazione non ha accettato il ricordo dei legali di Alberto Stasi per riaprire il caso di Garlasco, sospendere la pena e riesaminare in un nuovo processo di appello i testi già sentiti in primo grado. Quindi rimane in carcere e per lui non ci sarà un processo di appello ter. Al momento Alberto Stasi sta scontando la condanna a 16 anni di reclusione per l’omicidio della fidanzata di Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto 2007 a Garlasco in provincia di Pavia.

I legali della famiglia Poggi: “Il rigetto di quest’ulteriore ricorso conferma come la sentenza di condanna sia stata emessa all’esito di un giusto processo”

Subito dopo la decisione i legali della famiglia Poggi hanno commentato con felicità la sentenza della Cassazione: “Il rigetto – dicono gli avvocati Gian Luigi Tizzoni e Francesco Compagna – di quest’ulteriore ricorso conferma come la sentenza di condanna sia stata emessa all’esito di un giusto processo grazie alle prove schiaccianti faticosamente acquisite dalla Corte di Assise di Appello di Milano. Anche nei momenti più difficili la famiglia Poggi ha sempre creduto nella giustizia, senza mai cercare giudizi sommari“.