Nato a Besana in Brianza il 23 agosto 1971, Demetrio Albertini è stato uno dei centrocampisti più forti degli Anni ’90 con la maglia del Milan. In Nazionale due “argenti”…

Demetrio Albertini arriva a 50. L’ex centrocampista è nato infatti il 23 agosto 1971 a Besana in Brianza. Ritenuto uno dei più forti interpreti del ruolo nella sua generazione, ha vinto tutto con il Milan di Capello mentre con la Nazionale è stato vicecampione del Mondo e d’Europa.

Gli esordi

Albertini approda a 14 anni nel settore giovanile rossonero. Aggregato alla Prima squadra, Arrigo Sacchi lo fa esordire in Serie A il 15 gennaio 1989 in Milan-Como. Nella stagione 1990/91 va in prestito al Padova, dove è titolare.

Il Milan di Capello

Tornato al Milan, diviene una pedina fondamentale del gioco di Fabio Capello già nella stagione 1991-1992, in cui i rossoneri vincono lo scudetto senza subire sconfitte, impresa senza precedenti sino a quel momento. Albertini giocherà in maglia rossonera per undici stagioni consecutive, dal 1991 al 2002, vincendo cinque scudetti (di cui tre consecutivi dal 1992 al 1994), una Coppa dei Campioni/Champions League, una Supercoppa UEFA e tre Supercoppe italiane. Negli anni si rivelerà un ottimo tiratore di piazzati, rigori e calci di punizione. Non rientrando nei piani di Ancelotti, va all’Atletico Madrid. Chiude la carriera al Barcellona, nell’anno in cui i blaugrana tornano a vincere la Liga.

Demetrio Albertini in Nazionale

Con la maglia azzurra, il centrocampista vince l’Europeo Under 21 mentre con la Nazionale maggiore, di cui è titolare indiscusso, perde due finali: i Mondiali 1994 e gli Europei 2000.

ultimo aggiornamento: 23-08-2021


Positivo all’alcol test, patente ritirata a Nainggolan

Serie A, il Codacons contro Dazn: “Immediati rimborsi per tutti gli abbonati”