Tutto quello che bisogna sapere sulla demolizione auto: costi, procedure e informazioni pratiche

Demolire la propria auto non è un’operazione difficile da fare e neanche molto costosa. Però si devono rispettare norme e procedure rigide. Commettere errori gravi o non prestare attenzione a chi ci si rivolge, le conseguenze che ne possono derivare possono essere davvero molto serie.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Vediamo quindi cosa occorre per poter demolire la propria auto

Con la legge del 5 febbraio 1997 bisogna rivolgersi solo ed esclusivamente a personale autorizzato poichè le macchine sono considerate come rifiuti altamente inquinanti. E’ quindi vietato lasciare la macchina marcire su un luogo pubblico o su un terreno di proprietà.

Come demolire un’auto

Si hanno due opzioni: consegnare il veicolo direttamente ai demolitori e trascorsi i 30 giorni provvederanno alla cancellazione del PRA. Dal momento della cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico non si dovrà più pagare il bollo auto.

L’altra opzione invece è quella di consegnare l’auto ad un concessionario. Naturalmente questo passaggio può avvenire solamente se l’intenzione è quella di acquistare un veicolo nuovo per rottamare quello vecchio. In questo caso sarà direttamente il concessionario ad occuparsi della pratica.

Quali sono i documenti che occorrono per poter rottamare l’auto?

Oltre ad essere muniti di targa anteriore e posteriore bisogna consegnare a chi di competenza la carta di circolazione e il certificato di proprietà cartaceo.

Quanto costa demolire un’auto?

I costi per poterla demolire da un concessionario sono molto flessibili, addirittura delle volte sono proprio pari a zero, questo perchè si acquista un veicolo nuovo e di conseguenza si possono usufruire degli incentivi per la rottamazione.

Mentre se l’intenzione non è quella di acquistare un auto nuova allora bisogna rivolgersi come detto in precedenza al centro di raccolta autorizzato. In questo caso, i costi variano dai 70€ ai 150€.

In aggiunta, occorre pagare 32,00€ per l’imposta di bollo nel caso si dispone del certificato di proprietà, che salgono poi a 48,00€ se si utilizza il modello NP3C. Dai 7€ ai 10€ per verificare che non ci siano carichi pendenti sulla propria auto.

ultimo aggiornamento: 26-06-2017


Guarnizione testa bruciata: come capirlo e cosa fare

Auto in estate trucchi per mantenerla al meglio