Sicilia, il Comune di Casteldaccia sotto accusa per la tragedia della villa abusiva. L’abitazione poteva essere demolita già nel 2011.

CASTELDACCIA (Sicilia) – A poche ore dalla tragedia di Casteldaccia, dove nove persone hanno perso la villa all’interno di una villa sommersa dall’acqua a causa del maltempo, sotto alla luce dei riflettori è finito proprio il Comune, che avrebbe potuto abolire l’abitazione abusiva nel 2011, la stessa abitazione nella quale hanno perso tragicamente la vita nove persone, tra cui donne e bambini.

Casa abusiva a Casteldaccia, Comune sotto accusa. La villa poteva essere abolita nel 2011

Stando a quanto emerso fino a questo momento dalle indagini avviate sulla tragedia, sembra che il Comune di Casteldaccia già nel 2011 avrebbe potuto – e forse dovuto – demolire la villa abusiva dove si è consumata la tragedia. L’indiscrezione è stata riportata da la Repubblica che ha acceso i riflettori sulla vicenda.

Le indagini degli inquirenti dopo la strage di Casteldaccia

Stando a quanto riportato dal quotidiano, il problema dell’abusivismo non interesserebbe solo Casteldaccia. Dalle indagini della Procura di Palermo sembrerebbe che ben 75 Comuni sugli 82 della Provincia non sarebbero in regola con le ordinanze di demolizione che riguardano costruzioni abusive costruite anche in zone ritenute ad alto rischio.

La Procura indaga su tutti i casi di abusivismo

Le indagini condotte dalla Procura di Palermo dopo la tragedia di Casteldaccia sono state estese a tutte le pratiche di abusivismo. Gli uomini della Polizia di Bagheria hanno perquisito la sede del Municipio di Casteldaccia per acquisire i documenti relativi ai casi di abusivismo.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Casteldaccia cronaca evidenza News scelte della redazione Sicilia

ultimo aggiornamento: 05-11-2018


Appalti truccati, arrestati sindaco e vicesindaco di Fuscaldo

Confcommercio, il presidente Sangalli accusato di molestie