Dura accusa al governo Conte dalle colonne di Der Spiegel, noto settimanale tedesco: il governo italiano ha insabbiato i suoi errori nella gestione della pandemia.

Arriva dalle colonne del Der Spiegel una dura accusa a carico dell’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del ministro della Salute Roberto Speranza e in generale a carico del governo italiano, accusato di aver nascosto gli errori commessi durante la prima fase della pandemia.

Coronavirus, Der Spiegel contro il governo Conte: “L’Italia ha reagito troppo tardi e in modo sbagliato alla pandemia”

Il settimanale tedesco cita una denuncia presentata da 500 famiglie italiane e parla di una serie di errori commessi dal governo Conte. Errori che poi sarebbero stati nascosti, insabbiati.

Le accuse sono gravi: l’Italia ha reagito troppo tardi e in modo sbagliato alla pandemia. Il paese è stato sopraffatto, in parte perché i piani di emergenza erano obsoleti e carenti. Gli errori sono stati nascosti. Per questo la gente è dovuta morire? Genitori, nonni, coniugi?“, si legge sulle colonne di Der Spiegel.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Le accuse all’Italia

Il settimanale tedesco, facendo riferimento ad alcuni dossier presentati dai familiari delle vittime agli inquirenti, afferma che le carte testimoniano come gli esperti abbiano lanciato il primo allarme alla fine del mese di febbraio. L’allarme era relativo alla presenza di una epidemia con tasso di contagio superiore a 2. Quindi una situazione decisamente grave che doveva essere affrontata con tempestività e determinazione. Cosa che, secondo le accuse, non sarebbe avvenuta.

Inoltre molti pazienti non gravi hanno occupato posti letto che potevano essere destinati a malati gravi. Una sorta di errore di valutazione di fronte ad un virus sconosciuto.

Inoltre l’Italia ha affrontato la prima fase dell’emergenza sprovvista di mascherine, dispositivi di protezione individuale e altre carenze che mostrerebbero una grave disorganizzazione.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 23-03-2021


Tensione Ue-Cina, via libera di Bruxelles alle sanzioni per il genocidio degli Uiguri

SUD – Progetti per ripartire, Draghi: “Divenire capaci di spendere bene i fondi è obiettivo primario di questo governo”