L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha espresso le sue preoccupazioni in merito al futuro dell’economia.

La transizione energetica è un tema estremamente caldo, considerando che investire sulle fonti rinnovabili è l’unico modo per evitare che i cambiamenti climatici stravolgano irrimediabilmente il nostro pianeta. Non solo: le fonti non rinnovabili, in quanto tali, non sono infinite. Da ciò, investire nell’energia solare, nel vento, nel mare e nelle biomasse è fondamentale per garantire un futuro sostenibile per la Terra. In merito a queste tematiche si è espresso anche l’ad di Eni, Claudio Descalzi, in occasione della premiazione all’Atlantic Council.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni dell’ad di Eni

Secondo Claudio Descalzi, non c’è un futuro economico sostenibile per l’industria senza la transizione. Tuttavia, è anche vero che non esiste una transizione energetica sostenibile senza che l’industria energetica e i suoi clienti siano pienamente coinvolti”. Non solo. Per Descalzi, lo scenario attuale ha posto un nuovo e drammatico accento sulla sicurezza energetica, aumentando la complessità della transizione energetica. Questo ci ha reso ancora più determinati a lavorare per la sicurezza e la sostenibilità del sistema energetico, mantenendo un’attenzione particolare per una transizione energetica giusta”.

Al fine di raggiungere questo obiettivo, stando a Descalzi, “abbiamo bisogno, soprattutto ora, di sfruttare tutte le tecnologie e le soluzioni disponibili”. Queste le parole dell’amministratore delegato di Eni, che ha ricordato i risultati raggiunti negli ultimi 8 anni dall’azienda. “Oggi il nostro portafoglio spazia dalla cattura e stoccaggio del carbonio, alle bio-raffinerie e all’economia circolare, fino alle energie rinnovabili”.

pale eoliche
Pale eoliche

Rispetto alla situazione attuale legata al gas russo, “Washington è solo una tappa” del Governo italiano al fine di minimizzare la dipendenza, a livello energetico, da Mosca. “Insieme ai colleghi di Eni siamo orgogliosi di contribuire a questo processo”, ha dichiarato Descalzi, che ha anche parlato della guerra in Ucraina. “Le immagini strazianti che abbiamo visto dopo l’invasione hanno dato a tutti un senso di urgenza senza precedenti”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-05-2022


Fotografato per la prima volta il buco nero al centro della Via Lattea

Zelensky: “Draghi ha ragione, l’Ucraina può vincere”