Missione di Luigi Di Maio a Tripoli: “Lavoreremo per nuove opportunità di imprese”.

TRIPOLI (LIBIA) – Missione di Luigi Di Maio a Tripoli. Nella giornata di domenica 21 marzo 2021 il ministro degli Esteri è andato in Libia per incontrare il governo di unità nazionale. “Un anno fa – ha scritto sui social subito l’incontro, riportato da RaiNewssarebbe stato impossibile immaginare un esecutivo di unità nazionale in Libia. Oggi sta accadendo e l’Italia, avendo sostenuto il percorso Onu, può essere protagonista. Italia e Libia sono accomunate da importanti interessi geo-strategici: oltre ai flussi migratori, ho ribadito che noi è fondamentale continuare a rilanciare la cooperazione economica tra le nostre imprese“.

“Lavoreremo per nuove opportunità per le nostre imprese”

Di Maio si soffermato anche sui motivi di questa visita: “In futuro lavoreremo per nuove opportunità per le nostre imprese, riunendo dei formati che permetteranno alle imprese e al mondo economico libico di dialogare col nostro e creare due opportunità nuove su entrambi i fronti“.

“A un anno dalla conferenza di Berlino, promossa anche dall’Italia – ha aggiunto – abbiamo una Libia diversa, con istituzioni unite che rappresentano tutto il Paese. In questo momento l’Italia è il primo interlocutore, ha un’amicizia storica con il popolo libico. E oggi sono stato il primo ministro dell’Ue a recarsi in Libia e a incontrare le nuove istituzioni”.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Il viaggio di Di Maio in Libia

Il ministro Di Maio a Tripoli ha incontrato il presidente del Consiglio, Mohamed Yunis al Menfi e la sua omologa Najla Al-Mangoush. Una visita sicuramente molto importante per l’Italia. Il nostro Paese ha intenzione di recuperare un ruolo primario nel riportare la pace in Libia.

Il dialogo è sempre destinato ad entrare nel vivo nelle prossime settimane. Non si esclude un nuovo viaggio di Di Maio a Tripoli per continuare quanto iniziato in questo incontro avvenuto nella giornata di domenica 21 marzo.


Von der Leyen: “L’Europa non può donare i vaccini”

Fausto Bertinotti, l’ex segretario di Rifondazione Comunista