Il ministro Di Maio contro i corridoi turistici tramite accordi bilaterali: “Sono contro lo spirito dell’Ue”.

ROMA – Il ministro Di Maio non condivide l’idea di corridoi turistici tramite accordi bilaterali: “Sono contro lo spirito dell’Unione Europea – ha detto il titolare della Farnesina nell’incontro con gli altri colleghi e citato dall’AdnKronos – ci dobbiamo tutti impegnare a non favorirne direttamente, né indirettamente tramite liste degli sconsigli“.

E poi ha precisato: “Inammissibile che ci siano delle blacklist tra i Paesi europei che fanno parte della stessa comunità. Se non cambiamo direzione, ci saranno serie ricadute economiche sul comparto turistico di tutti i Paesi europei, non solo dell’Italia“.

Di Maio agli altri ministri degli Esteri: “L’Italia dal 3 giugno riapre le frontiere”

In questo vertice il ministro Di Maio ha illustrato nei dettagli il piano della ripartenza dell’Italia: “Dal 3 giugno riavvieremo i motori a 360° con le giuste misure precauzionali, abbiamo dato prova di grande impegno e gli italiani di grande senso civico e responsabilità. Da quel giorno, dunque, ci si potrà muovere tra le regioni e a tal proposito siamo pronti ad accogliere in sicurezza cittadini europei che vogliono passare le loro ferie in Italia, come ogni anno. Le nostre strutture sono pronte, preparate all’avanguardia“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio (fonte foto https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/)

Di Maio: “Tutti i Paesi devono riaprire i confini”

Al termine della videoconferenza il ministro ha parlato in un video su Facebook confermando che “non ci saranno i corridoi turistici creati sulla base di accordi bilaterali. Abbiamo stabilito che lavoreremo tutti quanti insieme per affrontare questa stagione turistica“.

Di Maio ha ribadito la necessità di riaprire i confini e “condividere le regole per far viaggiare i turisti in sicurezza. Noi come Italia dobbiamo lavorare per consentire a tutti gli imprenditori di accogliere non solo turisti italiani ma anche quelli stranieri. E una delle principali nazionalità che viene in vacanza nel nostro Paese è quella tedesca“.

Dobbiamo far ripartire il Paese e garantire la sicurezza degli italiani. Per questo è fondamentale che in estate l’Italia abbia la possibilità di accogliere turisti provenienti anche da altri Paesi Ue. Stiamo già lavorando a un piano turistico sicuro e concreto. Lo stiamo facendo insieme al Mibact per sostenere imprese, albergatori, ristoratori, tour operator e tutto il comparto. È la nostra economia, la nostra Italia, il nostro orgoglio.Ne ho discusso oggi con altri ministri degli Esteri. Collegatevi, vi racconto tutti i dettagli.

Pubblicato da Luigi Di Maio su Lunedì 18 maggio 2020

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


Conte, ‘Oggi il primo passo, il Paese si sta rimettendo in moto’

Zingaretti: “Nella maggioranza servono meno polemiche. La mozione contro Bonafede va respinta”