Di Maio e Renzi preparano gli emendamenti alla manovra

Corsa agli emendamenti, Di Maio e Renzi pronti a ‘smontare’ la manovra

Manovra, Di Maio e Renzi preparano gli emendamenti per ‘aggiustare’ il Documento varato dal governo dopo un Cdm di cinque ore e mezza.

Cinque ore e mezzo di Consiglio dei Ministri non sono bastate ad appianare le divergenze all’interno della maggioranza. Il governo è spaccato in due. Da una parte ci sono Conte e il Partito democratico, dall’altra il Movimento 5 Stelle e Italia Viva. Di Maio e Renzi sono i due delusi e si preparano a correggere la manovra a colpi di emendamenti. Una strategia rischiosa che potrebbe causare profonde spaccature in Aula.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

La manovra passa ma “salvo intese”

Che la situazione si particolarmente fluida e destinata a cambiare era chiaro già alla fine del Consiglio dei ministri, con quell’approvazione salvo intese che tradotto significa che molte cose possono ancora cambiare.

Il governo ha spedito a Bruxelles il Documento programmatico di Bilancio. Nei prossimi sette giorni l’Europa potrebbe chiedere spiegazioni a Conte e Gualtieri o limitarsi a dare il via libera alla manovra. Ma a preoccupare è soprattutto il fronte interno.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Di Maio e Renzi preparano gli emendamenti alla manovra

Il testo partorito nel Consiglio dei Ministri dovrà passare per l’approvazione del Parlamento. Qui Renzi e Di Maio dovrebbero provare a regolare i conti a suon di emendamenti. Italia Viva dovrebbe mettere nel mirino Quota 100. Il leader di IV ha detto e ribadito di essere assolutamente contrario alla riforma delle pensioni varata da Matteo Salvini. Conte, con il sostegno del Movimento 5 Stelle, è riuscito a blindarla ma in Aula potrebbe andare in minoranza. A quel punto per il governo ci sarebbe più di un problema da risolvere.

Il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio dovrebbe invece muoversi per provare a correggere il piano contro l’evasione fiscale fortemente voluto da Giuseppe Conte.

Ai due ribelli della maggioranza si aggiungono ovviamente i partiti di opposizione, che hanno duramente contestato la manovra varata dal governo. Mai come in questo caso l’esito della votazione sembra tutt’altro che scontato e non è un caso che il premier Giuseppe Conte continui a insistere sul concetto di lealtà…

ultimo aggiornamento: 17-10-2019

X