Di Maio: “M5S unico argine ai populismi in Ue. No al codice di comportamento…”

Il vicepresidente della Camera ha passato oltre due ore in visita al “Tag – Talent Garden” di Milano da dove ha parlato delle elezioni tedesche, della Giunta Raggi e delle politiche del prossimo anno.

chiudi

Caricamento Player...

MILANO – Luigi Di Maio è stato scelto dal popolo del Movimento 5 Stelle come candidato premier alle elezioni politiche del 2018: il vice-presidente della Camera ha ottenuto circa 31 mila preferenze on line. Ieri, Di Maio è stato presente in visita al “Tag – Talent Garden”, una piattaforma fondata nel 2011 dove i professionisti del digitale, della tecnologia e della creatività lavorando, apprendono e si connettono negli spazi di co-working. “Vogliamo fare dell’talia un paese all’avanguardia, che premi il talento – ha detto il leader M5S – anche perché nel 2025 metà del lavoro giovanile sarà di natura creativa“. Di Maio ha poi pranzato con gli “start upper” di questa ex tipografia della periferia milanese, poco lontana dal consolato cinese e dalla Fondazione Prada.

La candidatura

Il vice-presidente della Camera si è poi intrattenuto con i lavoratori del centro (più di 400, ndr), soffermandosi in particolare sul voto elettronico e sulla piattaforma Rousseau: “Considerate che è una start up anche quella, lanciata subito dopo la morte di Gianroberto Casaleggio“. Alla domanda sui 31 voti di preferenza ottenuti, Di Maio ha detto che “alla fine contano quelli nelle urne“. Inoltre, il politico campano ha affermato che non ci sarà alcun codice di comportamento da firmare; né le eventuali e annesse penali da pagare.

Cinque Stelle al Governo?

Inevitabile, poi, una riflessione sul voto in Germania: “Noi siamo l’unico argine a quelli che sono gli estremismi in Europa, fermo restando che poi il voto mostra anche che i partiti tradizionali sono in declino“, ha chiosato Di Maio. E sulla Giunta Raggi, il candidato premier M5S ha messo in chiaro che “noi non faremo l’errore di andare al governo senza aver già scelto una squadra coesa“.