Di Maio in Cina, la gaffe con il presidente diventa virale

La gaffe ‘cinese’ di Di Maio: il presidente diventa Ping

Di Maio in Cina, la gaffe diventa virale. Il vicepremier italiano sbaglia il nome del presidente cinese. Tempestivo e provvidenziale l’intervento del traduttore.

Di Maio in Cina, la gaffe con il presidente diventa virale. Recatosi nel paese asiatico per prendere pare al China International Import Export, il vicepremier pentastellato si è reso protagonista di una gaffe che non è passata inosservata agli occhi dei media cinesi e di quelli nostrani.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Luigi Di Maio in Cina: la gaffe con il presidente cinese diventa virale

Durante il suo intervento, Luigi Di Maio ha sbagliato il nome del presidente della Cina, quel Xi Jinping che per il vicepremier italiano è diventato semplicemente Ping. Non si tratterebbe dell’usanza italiana di abbreviare cordialmente i nomi dei cari amici, bensì di una clamorosa gaffe di Di Maio.

Tempestivo e provvidenziale l’intervento del traduttore che si è reso conto dello svarione e ha corretto automaticamente Luigi Di Maio. Sembra comunque che l’errore sia presto venuto alla luce anche in Cina, un paese profondamente tradizionale ma anche comprensivo. In fondo un errore ci sta.

Di seguito il video con l’intervento di Luigi Di Maio al China International Import Export

Critiche e ironia sui social network

Meno comprensivi invece i media italiani che non hanno perso l’occasione per sottolineare lo svarione di Di Maio. Inevitabili le battute e le critiche che hanno invaso le bacheche dei social network con frasi anche dure nei confronti del vicepremier pentastellato che raccoglie il testimone dal ministro delle Infrastrutture Toninelli che aveva parlato del tunnel del Brennero, un progetto ancora ben distante dalla sua realizzazione.  In fondo si sa, il web non perdona nulla.

ultimo aggiornamento: 05-11-2018

X