Luigi Di Maio conferma la disponibilità a trattare sul Mes: “Questa è la partita della vita. E non è ancora finita. Anzi, è appena iniziata”.

Intervenuto ai microfoni de la Stampa, il fu capo politico del Movimento 5 Stelle (e attualmente Ministro degli Esteri) Luigi Di Maio ha parlato dell’emergenza coronavirus affrontando inevitabilmente anche il tema del Mes.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Coronavirs, Di Maio disposto a trattare sul Mes: “Questa è la partita della vita”

Questa è la partita della vita per noi. E non è ancora finita. Anzi è appena iniziata“, ha dichiarato Luigi Di Maio in riferimento alla trattativa in corso a livello europeo per il piano di aiuti contro l’emergenza coronavirus.

Nelle ultime ore anche da Vito Crimi, capo politico del Movimento 5 stelle, era arrivata un’apertura al Mes, uno strumento che potrebbe essere accettato a patto che sia effettivamente senza condizionalità.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Di Maio, “Colao è un grande manager”

Luigi Di Maio ha parlato anche di Colao, finito al centro delle critiche insieme con la sua task force. In molti hanno criticato la decisione del premier Giuseppe Conte di creare un nuovo team per la gestione dell’emergenza coronavirus.

“Colao è un grande manager, ma come per Draghi, il suo nome viene usato per buttare giù Conte”.

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64

“Dobbiamo recuperare lo spirito dei nostri nonni per affrontare questa sorta di guerra”

Nel corso della sua intervista Di Maio ha parlato anche del 25 aprile, invitando gli italiani a recuperare ‘lo spirito dei nostri nonni per affrontare questa sorta di guerra“.

“Oggi 25 aprile, dobbiamo recuperare lo spirito dei nostri nonni per affrontare questa sorta di guerra”.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 25-04-2020


25 aprile, Mattarella da solo all’Altare della Patria

I messaggi dei politici per il 25 aprile: dal nazifascismo al coronavirus, dalla libertà alla liberazione