Di Maio puntualizza: “Reddito solo ai cittadini italiani”. Ma si rischia un caso giuridico

Reddito di cittadinanza, Di Maio puntualizza: la legge riguarda coloro che sono cittadini italiani. Le opposizioni pronte alla battaglia.

Dopo il terremoto che ha fatto seguito alla notizia secondo cui il Reddito di Cittadinanza sarebbe stato destinato anche agli stranieri residenti da almeno cinque anni in Italia, il vicepremier del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio, grande promotore del provvedimento, ha fatto sapere che il sostegno sarà garantito solo ai cittadini italiani. Dichiarazioni che rischiano però di creare un caso istituzionale.

Luigi Di Maio: “La legge riguarda il reddito di cittadinanza per coloro che sono cittadini italiani”

Al mio rientro a Roma istituiremo il decreto anche per quota 100 e il reddito di cittadinanza per gli italiani“, ha annunciato Di Maio ai microfoni dei giornalisti presenti ad Alleghe, dove il ministro si è recato in visita per visionare in prima persona i luoghi colpiti dal maltempo che nel mese di ottobre ha colpito il Veneto.

Il vicepremier pentastellato ha poi risposto a una domanda sulla platea cui sarà destinato il provvedimento bandiera del Movimento Cinque Stelle. “La legge, come abbiamo sempre detto, riguarda il reddito di cittadinanza per coloro che sono cittadini italiani“. La risposta di Di Maio lascia spazio alle interpretazioni ma sembra che il vicepremier volesse sottolineare come il provvedimento non dovrebbe essere rivolto ai cittadini stranieri.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Ma si rischia un caso giuridico

Fosse questa la decisione, sottolineano le opposizioni, il Reddito di Cittadinanza creerebbe diversi problemi legati all’incostituzionalità. Sono tante le leggi che potrebbero costringere il governo a fare un passo indietro ascoltando i ricorsi delle persone nate all’estero ma che vivono da tempo in Italia come regolari.

ultimo aggiornamento: 03-01-2019

X