Di Maio su una possibile alleanza M5s-PD in Emilia-Romagna: “Questo dibattito ha stancato. A gennaio spero di parlare di altro”.

RABAT (MAROCCO) – Il fallimento dell’esperimento in Umbria non ferma il Nazareno che è al lavoro per formare un patto civico anche alle prossime elezioni regionali. Ma l’alleanza M5s-PD in Emilia-Romagna non viene vista di ‘buon occhio’ da Luigi Di Maio che direttamente dal Marocco risponde in modo molto secco ai giornalisti presenti.

Il dibattito sta stancando gli italiani. In questo momento noi dobbiamo concentrarci sugli obiettivi. A gennaio spero di parlare di altro, come per esempio dell’acqua pubblica. Finita la manovra, dobbiamo approvare questo provvedimento. Sono d’accordo gli altri partiti?“.

La debacle in Umbria mette in ‘crisi’ il M5s

Non è un periodo assolutamente facile per il MoVimento. La prima vera debacle dal 2018 è arrivata in Umbria con i grillini che ora non sanno come muoversi. Nelle ultime ore era circolata anche l’ipotesi di non presentare nessuna lista in Emilia-Romagna, lasciando libertà agli stessi esponenti che sono divisi sull’alleanza con il PD.

Ma questa possibilità non sembra essere considerata dai vertici del MoVimento che vogliono correre in questa regione. Non possiamo escludere un’alleanza tra le due forze politiche ma in questo momento le possibilità sembrano quasi pari a zero.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
fonte foto https://www.quirinale.it/elementi/35429

Il PD in Emilia cerca la riconferma

In casa M5s si ragiona visto che la situazione sembra essere completamente diversa dalle precedenti. Per il PD l’Emilia-Romagna è un fortino e farà di tutto per non perdere questa Regione. Il cammino per il Centrodestra non sembra essere dei più semplici e proprio queste difficoltà potrebbero portare i grillini a firmare un patto civico con il Nazareno.

Da capire, però, quale profilo sarà scelto per una eventuale alleanza visto che il nome di Stefano Bonaccini non convince i pentastellati. Ma nelle prossime settimane ci potrebbero essere importanti novità.


Botte da orbi nella maggioranza, la manovra convince solo il Premier

Migranti, il PD pronto a ‘spazzare via’ i decreti sicurezza