Luigi Di Maio fa il punto su Alitalia: “Toto, Lotito e Avianca hanno manifestato il proprio interesse. Offerte entro il 15 luglio”.

ROMA – E’ andato in scena al MISE un incontro tra Luigi Di Maio e i sindacati per discutere di Alitalia. Il ministro ha illustrato la situazione facendo presente che finora sono arrivate tre manifestazioni di interesse da parte di Toto, Lotito e Avianca. Ma non ha escluso ulteriori passi avanti di altre aziende in questi ultimi giorni.

FS detiene circa il 35% – precisa il vicepremier – Delta tra il 10 e il 15% mentre il MEF attorno al 15%. La somma che dovrà essere restituita dalla gestione commissariale al MEF subito dopo potrà essere investita“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Alitalia
fonte foto https://twitter.com/Uiltrasporti_N

Alitalia, Di Maio conferma: “Deadline entro il 15 luglio. Valutiamo il dossier di Toto”

Nessun altro rinvio della deadline. Di Maio ha assicurato che entro il 15 luglio devono essere presentate le offerte: “Chi è interessato deve uscire allo scoperto. Stiamo parlando di un’operazione di mercato e non di una vicenda politica, per questo non voglio pregiudizi o ricatti. Chi è interessato deve farlo ora senza usare altre leve“.

Il ministro, inoltre, ha parlato di un possibile rafforzamento dell’impegno di Delta: “Il lasso di tempo passato è servito per Ferrovie per sondare alleati e soluzioni finanziare. Mi auspico l’aumento della quota di partecipazione di Delta e stiamo approfondendo il dossier Toto“.

Parole che, in realtà, sono subito state smentite dal MISE. Il ministro non avrebbe mai detto di augurarsi un aumento della partecipazione da parte di Delta ma in futuro la compagnia potrebbe decidere di acquisire più quote. Si tratta naturalmente di un’ipotesi che dovrà essere confermata nelle prossime settimane. Intanto Di Maio conferma il massimo impegno da parte del Governo di risolvere la situazione nel più breve tempo possibile. E non ci dovrebbero essere ulteriori rinvii sulla vicenda.

fonte foto copertina https://twitter.com/Uiltrasporti_N


Chi è Christine Lagarde, la numero uno della BCE

‘Salvini Premier’, una miniera d’oro da oltre un milione di euro