Luigi Di Maio ritorna a parlare del coprifuoco: “Il 16 maggio potrebbe essere la data giusta per superarlo”.

ROMA – Luigi Di Maio ritorna a parlare del coprifuoco e si allinea alla posizione degli aperturisti. “Credo che il 16 maggio sia una data auspicabile per superare questo provvedimento – le parole del ministro degli Esteri, riportato dall’Adnkronos bisogna fare in modo di superare questa misura per come la conosciamo e non rientrarci pochi mesi dopo. Per questo motivo non è un liberi tutti. E’ una situazione che unisce diversi Paesi e tutti vogliamo uscire da questo incubo“.

Mozione di sfiducia a Durigon

In attesa del nuovo Cdm per valutare le misure contro la pandemia, non si placa la tensione all’interno della maggioranza. “Il metodo di Salvini – sottolinea Di Maio citato dal Corriere della Seralo capisco. All’interno del Centrodestra c’è una legittima competizione con Meloni, ma è meno legittimo che questa gara colpisca il nostro esecutivo. E’ un film che ho già visto e nel 2018 lo ha portato ad avere il 40%. Ora, però, sta scendendo“.

Una nuova sfida sul caso Durigon. Di Maio ha confermato di aver “chiesto dei chiarimenti che non sono arrivati e legittimamente il gruppo parlamentare ha presentato la sfiducia“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Le amministrative

Per Di Maio un passaggio anche sulle amministrative: “Non ci sono incontri segreti o altro, noi a Roma abbiamo la candidatura di Viginia Raggi e la sosterremo […]. In altre città c’è il Pd che chiede di non andare con noi. Non abbiamo annunci da fare, ma dobbiamo consolidare il legame. Napoli? C’è un dialogo tra le due forze politiche e chiedo di fare presto“.

In conclusione un accenno sul caso Grillo: “Sono vicino alle famiglie coinvolte in questa vicenda, in particolare a quella della ragazza. Ma vorrei ricordare che il MoVimento 5 Stelle non prende lezioni da nessuno […]“.

TAG:
governo Draghi

ultimo aggiornamento: 07-05-2021


Iran, Biden pronto a scongelare un miliardo di dollari a fini umanitari

Tajani: “La famiglia senza figli non esiste”. Scoppia la polemica