Radio Radicale, la promessa di Di Maio: Non chiuderà. Siamo al lavoro per una soluzione

Luigi Di Maio ritorna a parlare di Radio Radicale: “Non ho intenzione di farla chiudere ma non possiamo dare soldi solo ad una emittente”.

ROMA – Salvare Radio Radicale senza aiuti solo dello Stato. E’ questo l’obiettivo principale da parte del Governo al lavoro per continuare a tenere in vita una emittente storica. A fare il punto della situazione è Luigi Di Maio, riportato da TGCOM24.

Non voglio far chiudere Radio Radicale – spiega il ministro del Lavoro – una soluzione si può trovare ma noi non possiamo dare milioni di euro a un’unica radio. Se vogliamo dar loro una mano, la daremo da lunedì ma non voglio sprecare risorse pubbliche. Cercherò di trovare una soluzione perché il ministro competente sono io. Non voglio far chiudere, né far perdere dei dipendenti ma è finita l’era di dare soldi alle radio e ai giornali senza un minimo di meritocrazia“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Radio Radicale, bagarre in Commissione. Futuro in bilico per l’emittente

La questione di Radio Radicale tiene banco ormai da diversi mesi. Il M5s ha confermato la sua idea di tagliare i finanziamenti pubblici ai giornali e alla radio. A farne le spese è stata proprio Radio Radicale che da lunedì 20 maggio si è vista non rinnovare la proroga della convenzione firmata con lo Sviluppo Economico.

Una situazione che continua ad alimentare tensione anche in Commissione Bilancio alla Camera. Le opposizioni e la Lega chiedono al M5s di introdurre nel decreto Crescita un emendamento per continuare la convenzione ma da parte dei grillini non c’è stato nessun passo indietro. “La mia posizione– conferma il sottosegretario Crimi – non è mai cambiata. Se ci fossero state novità lo avrei annunciato. Questa è la posizione del governo e così rimane“.

Nessun ripensamento quindi da parte del MoVimento 5 Stelle sulla convenzione ma Luigi Di Maio conferma di essere al lavoro per cercare di trovare una soluzione che consente a Radio Radicale di rimanere in vita.

ultimo aggiornamento: 23-05-2019

X