Luigi Di Maio ha parlato attraverso i social: “La notte più buia della democrazia è passata. Ora tocca a noi”.

ROMA – Il leader del M5s, Luigi Di Maio, è intervenuto sui social per confermare il no del partito al governo Cottarelli: “Quella di ieri sera – ha dichiarato – è stata la notte più buia della democrazia italiana. Il presidente della Repubblica Mattarella ha deciso di scavalcare le sue prerogative costituzionali e di non fare andare al governo il MoVimento 5 Stelle che ha preso 11 milioni di voti“.

LUIGI DI MAIO
LUIGI DI MAIO

Eravamo pronti – continua – a fare un governo con una maggioranza assoluta grazie al contratto firmato con la Lega. Ha deciso, invece, di mettere dei tecnici che non hanno mai preso un voto, guidati da Cottarelli, con la sicurezza che non avranno nessuna maggioranza in Parlamento. Quindi avremo un governo non solo votato dal popolo ma neanche dal Parlamento“.

Luigi Di Maio su Facebook: “Il 2 giugno tutti in piazza a Roma”

Il leader dei grillini ha lanciato anche un appello agli attivisti: “In qualità di capo politico del Movimento 5 Stelle ho il dovere di chiamare tutti gli iscritti e tutti i nostri elettori alla mobilitazione prendendo parte ad alcune iniziative che prenderanno vita a partire da oggiInoltre appendete una bandiera italiana fuori dalla finestra, rivendichiamo il diritto di decidere sul nostro futuro e sul nostro governo“.

La situazione – conclude Di Maio – è molto grave. Ci hanno svuotato il valore del voto. Nei prossimi giorni organizzeremo delle manifestazioni pacifiche nelle principali città italiane e invito tutti a venire a Roma il 2 giugno dove faremo un grande evento“.

Di seguito il video con le parole di Luigi Di Maio

È l'ora della mobilitazione. Ho bisogno del vostro aiuto!

È l'ora della mobilitazione. Ho bisogno del vostro aiuto!

Pubblicato da Luigi Di Maio su Lunedì 28 maggio 2018

fonte foto copertina http://www.quirinale.it/elementi/Elenchi.aspx?tipo=Foto


Pd, Renzi in clima elettorale: “Sarà battaglia con chi vuole l’Italia fuori dall’Europa”

Governo, strada in salita per Carlo Cottarelli: la fiducia del Parlamento sembra lontana