Il ministro Di Maio fa il punto sulla Manovra: “Non torniamo indietro. La cifra del 2,4% è confermata per il 2019, poi vediamo”.

ROMA – Una nuova giornata ricca di novità e polemiche per quanto riguarda la Manovra. Il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha rassicurato tutti: “Noi non torniamo indietro – riporta l’ANSAper il 2019 si rimane con la cifra del 2,4%, poi per gli altri anni stiamo pensando all’abbassamento del debito e la crescita del PIL, con tagli massicci agli sprechi”.

Intanto nella maggioranza continuano i vertici per cercare di definire le cifre del DEF del prossimo triennio. Dopo l’ultimo summit, le parti si dovrebbero aggiornarsi a breve anche se le preoccupazioni dell’Europa non interessano l’alleanza giallo-verde, come confermato da Matteo Salvini: “Me ne frego delle loro minacce. Negli anni futuro puntiamo a far scendere deficit e debito“.

Luigi Di Maio
Di Maio (fonte foto: https://www.facebook.com/luigi.demucci.3?tn-str=*F)

Genova, Di Maio conferma Gemme: “Al momento non ho altri nomi”

Nel suo intervento con i cronisti Luigi Di Maio si è soffermato anche sulla questione Genova: “Io non ho altri nomi, per me resta Gemme l’unico candidato. È un profilo che viene da Fincantieri e di Genova e ha parenti tra gli sfollati. La sua nomina dovrebbe essere formalizzata nelle prossime ore“.

Parole che smentiscono le indiscrezioni dei giorni scorsi che parlavano di alcune divergenze nella maggioranza proprio sul nome del manager ligure. Secondo il ministro del Lavoro l’annuncio è atteso a breve con Gemme che si prepara a far ripartire Genova. Manovra e il ponte Morandi: due grane per il governo che saranno risolte nelle prossime settimane. Un doppio test non semplice da superare ma che l’alleanza giallo-verde vorrebbe passare a pieni voti.

Di seguito il video con le parole di Luigi Di Maio

In diretta dalla Camera per alcuni importanti aggiornamenti! Collegatevi!

Pubblicato da Luigi Di Maio su Mercoledì 3 ottobre 2018

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Trading.Finanza/?tn-str=k*F


Manovra, Tria a Confindustria: “Obiettivo è eliminare il divario di crescita con l’Europa”

L’attacco di Moscovici: “In Italia un governo xenofobo ed euroscettico”