Luigi Di Maio ha fatto il punto sulla questione della presidenza RAI: “Siamo al lavoro per cercare di trovare il presidente ma ci deve essere l’intesa tra i partiti”.

ROMA – Al governo tiene banco la questione della presidenza RAI. A margine dei lavori al Senato, il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha fatto il punto della situazione: “Per me il CDA è operativo anche senza presidente. La legge dice che serve un’intesa tra i partiti per eleggere il numero uno e fino a quando questa non ci sarà, la fumata sarà nera“.

Parole che bocciano ancora una volta Marcello Foa. La Lega non ha nessuna intenzione di mollare la candidatura del giornalista ma il MoVimento 5 Stelle è al lavoro per cercare un nome nuovo. Il Carroccio ha fatto sapere di essere “a disposizione di arrivare alla soluzione più giusta anche ad agosto. All’interno dell’attuale cda Marcello Foa resta il professionista migliore per il ruolo di presidente“.

Marcello Foa
fonte foto https://www.facebook.com/MarcelloFoa/

Dal Partito Democratico hanno sferrato un nuovo attacco al governo: “Mi sembra un atto importante e spero che il governo dia la risposta il prima possibile“, ha dichiarato Davide Faraone. “Di Maio sbaglia – ha detto Francesco Verducciil CdA non è operativo senza la nomina di presidenza, perché non è legittimato e gli atti sarebbero nulli e illegittimi“.

Presidenza RAI, la commissione di Vigilanza al lavoro

In attesa di capire le decisioni del governo, la commissione di Vigilanza è al lavoro e a breve dovrebbe inviare una lettera al CdA, affinché nella prossima riunione si pronunci con urgenza sulla scelta di un nuovo presidente. Questo deve essere esterno e non deve direttore di rete, di canale e di testata.

Di seguito il video con alcune parole di Luigi Di Maio

Il decreto dignità è stato approvato definitivamente dal Parlamento. Cittadini 1 – Sistema 0.

Pubblicato da Luigi Di Maio su Martedì 7 agosto 2018


La nuova sfida di Salvini: “Svuoteremo i ghetti”

Decreto dignità, c’è il via libera del Senato: è legge