In visita a Napoli, il presidente della Camera Roberto Fico manda un messaggio a Matteo Salvini: Basta interventi spot sulla sicurezza, serve programmazione.

In visita a San Giovanni a Teduccio (Napoli) dove un uomo è stato ucciso davanti a una scuola materna davanti a suo nipote, il presidente della Camera Roberto Fico ha parlato di sicurezza mandando in qualche modo un messaggio anche a Matteo Salvini chiedendo un impegno costante per fare fronte a una situazione emergenziale.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Roberto Fico: Dobbiamo invertire la rotta, a Napoli non serve qualcosa di emergenziale, serve una programmazione stabile e costante

Basta interventi spot. Qui serve qualcosa di stabile e duraturo“, ha dichiarato Roberto Fico mandando in qualche modo un messaggio a Matteo Salvini che proprio a Napoli in diverse occasioni ha promesso una maggior sicurezza per i cittadini.

“Fa venire rabbia e paura, purtroppo nella nostra città sappiamo che accadono queste cose terribili. Però dobbiamo provare a invertire la rotta totalmente. Il punto è che qui non serve qualcosa di emergenziale, serve una programmazione che sia stabile e costante. Io ho sempre detto che bisogna riuscire a programmare insieme”.

Roberto Fico
Roberto Fico

Roberto Fico: Io sono vicino alla Raggi e a tutti i sindaci che sono in trincea

Roberto Fico, rispondendo alle domande dei cronisti, ha commentato anche i recenti scambi critici tra Matteo Salvini e la sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Noi sappiamo quanti Comuni siano difficili, quante poche risorse abbiano, e quindi io sono vicino come Stato alla Raggi e a tutti gli altri sindaci che sono in trincea”.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-04-2019


Salvini punta il dito contro la Chiesa: Nessuno può dire Cristo o la Lega, limite superato

Sea Watch, Di Maio contro Salvini: Anche io sono indagato ma non mi sento Napoleone