L’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, commenta così la decisione della UEFA: “Il comunicato ci ha colto di sorpresa. Speravamo nel settlement agreement”.

MILANO – Dura la reazione dell’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, dopo il deferimento della UEFA: “Per noi – dichiara il dirigente rossonero – è un danno d’immagine, stiamo valutando il da fare con i nostri legali. Il comunicato ha generato in noi molta amarezza e sorpresa perché speravamo nel settlement agreement. Finora è stato concesso a tutti i club in situazioni analoghe ai nostri“.

Marco Fassone Milan
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/ACMilan/

Marco Fassone attacca la UEFA: “Ci auguriamo una valutazione serena”

L’amministratore delegato rossonero ritorna sul deferimento: “La situazione – afferma Fassone – sapere un po’ tutti. Noi siamo andati a Nyon 15 giorni dopo il closing, quindi ovviamente non c’erano le condizioni per presentare dei piani. Poi ci siamo rivisiti a novembre ma non ci è stato concesso di discutere del Voluntary Agreement perché la commissione riteneva opportuna la garanzia bancaria da 165 milioni di euro“.

Ora la UEFA – continua il dirigente – non ci ha concesso il Settlement perché la holding ancora non ha rifinanziato il debito con Elliott gettando delle nubi sul futuro societario. Questa ipotesi non tiene conto della nostra proposta di ascoltare la banca americana che ha garantito su tutto“.

Ci auguriamo – conclude – una valutazione serena. Nelle prossime ore valuteremo con i nostri legali cosa fare per cercare di difendere la nostra immagine. Ricordiamo che il Milan deve pagare delle violazioni della proprietà precedente. Il rinvio ci lascia molto amarezza e credo che la società meritasse un Settlement che non è arrivato“.

Di seguito il video con le migliori immagini di Filippo Galli con la maglia rossonera

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ACMilan/

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 22-05-2018


Milan, comunicato ufficiale UEFA: “Rossoneri deferiti alla camera arbitrale CFCB”

Milan deferito dalla UEFA: ecco cosa rischiano i rossoneri