Il presidente del CONI, Giovanni Malagò, attacca il Governo: “Vogliono solo occupare il Comitato Olimpico. Io non mi dimetto”.

ROMA – Polemica tra Giovanni Malagò e il Governo. A margine di un’assemblea con i soci del CONI il numero uno dello sport italiano ha attaccato duramente la riforma inserita nella Manovra: “Il Comitato Olimpico – riporta il sito di Repubblicanon si merita per la sua storia la decisione della maggioranza. Non è una riforma per lo sport italiano ma loro vogliono occupare il comitato olimpico“.

Se questa riforma fosse iniziata già a gennaio mi sarei dimesso ma ci hanno risposto che le nuove norme partiranno da gennaio 2020. Io non abbandono la barca a cinque mesi dalle Olimpiadi. Io sono stato eletto per essere il presidente di un altro CONI ma la riforma non l’accetto. Il problema è mostruoso, clamoroso“.

Giovanni Malago
fonte foto https://twitter.com/notiveri

Il sottosegretario Giorgetti risponde a Malagò: “L’autonomia dello sport non è in discussione”

Le parole di Malagò hanno un po’ sorpresi i sottosegretari Giancarlo Giorgetti e Simone Valente che con una nota congiunta hanno risposto al presidente del CONI: “Ci sorprende – riporta il sito di Repubblica il suo atteggiamento perché sa bene che l’autonomia dello sport non è in discussione. Stiamo seguendo un modello di eccellenza che è già in vigore in molti Paesi. Molti ci incoraggiano ad andare avanti e sicuramente non ci fermeremo“.

Questo governo – continua il comunicato – non fa leggi contro le persone ma rispetta il Contratto che ha dato vita all’esecutivo. In questo senso stiamo prevedendo il coinvolgimento del CONI in quello che è il suo compito, cioè la preparazione olimpica di alto livello“.

Alta tensione tra Malagò e il Governo con le parti che si potrebbero incontrare nelle prossime settimane per cercare di arrivare ad un compromesso.

fonte foto copertina https://twitter.com/notiveri

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Coni Giovanni Malagò News politica riforma sport sport

ultimo aggiornamento: 16-11-2018


Rifiuti a Napoli, polemiche tra Di Maio e Salvini. La maggioranza si spacca?

Manovra, c’è una tassa sulla Coca Cola (e affini)