Matteo Salvini ritorna a criticare l’amministrazione Raggi: “A Roma i cittadini mi chiedono di fare presto”. M5s: “Non capiamo le polemiche”.

ROMA – Alta tensione tra Lega e M5s su Roma. Dopo le critiche rilasciate durante la visita alla Formula E, Matteo Salvini ritorna a parlare della Capitale lanciando un nuovo attacco all’amministrazione Raggi: “Non occorre uno scienziato – sottolinea il vicepremier citato dall’ANSAper portare via la mondezza, svuotare i cestini ed evitare i gabbiani stile avvoltoi. In passato ho invitato i cittadini a votare la Raggi ma ora loro mi chiedono di fare presto“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Matteo Salvini (fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial)

Non si è fatta attendere la risposta del M5s che attraverso una nota criticano il comportamento dei ‘colleghi’ della Lega: “Non comprendiamo – si legge – le polemiche da parte della Lega sul superamento della gestione commissariata del debito storico di Roma. Invitiamo i colleghi a leggere con maggiore attenzione cosa c’è scritto sul decreto Crescita. Non è stato fatto alcun regalo alla Capitale e neanche un centesimo in più delle tasse degli italiani sarà usato per ripagare il debito di Roma. Certe polemiche prive di senso lasciamole al PD e a chi ha mal governato in passato la Capitale“.

Roma, duello M5s-Lega: botta e risposta tra Salvini e Raggi

Una due giorni di botta e risposta tra Matteo Salvini e Virginia Raggi. Il ministro dell’Interno approfittando della sua presenza alla Formula E ha duramente attaccato l’amministrazione grillina chiedendo un cambio di strategia in questi ultimi due anni per permettere a Roma di ripartire.

La risposta della sindaca non si era fatta attendere: “Si occupi della sicurezza – dichiarava la Raggi – e non di parlare di Roma. Visti i fatti di cronaca di questi giorni mi sembra che non manchi il da farsi.Ad ognuno il suo lavoro. Parla di tutto in TV ma non è mai passato ai fatti“.


Carabiniere ucciso nel Foggiano, la Gelmini contro Salvini: La pacchia continua, meno passerelle

Europee 2019, il M5s sceglie i capilista: i nomi