Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico a ‘Futura’: “Bisogna incentivare la formazione. I giovani entrano nel mondo del lavoro tardi”.

BOLOGNA – Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico protagonista della seconda giornata di Futura. Il numero uno dell’Istituto, riportato dall’Ansa ha ribadito come “lo Stato deve incentivare la formazione e per farlo bisogna permettere il riscatto della laurea in modo gratuito a fini professionistici. I giovani entrano spesso nel mondo del lavoro tardi e con bassi salari perché studiano“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Tridico: “Salario minimo fondamentale per i giovani”

Il presidente dell’Inps ha aggiunto che “il salario minimo è determinante, così come quello per le donne. Si tratta di due categorie che hanno maggiormente sofferto durante la pandemia. Nella carriera lavorativa della donna, con quest’ultima che con un figlio rinuncia a 5mila euro in media di stipendio rispetto a chi non ha avuto figli. Inoltre il gap salario rispetto agli uomini continua a crescere e negli scorsi mesi i posti di lavoro sono stati specialmente donne e giovani. Si tratta di categorie vittime dei salari bassi“.

Ad oggi – ha aggiunto Tridico – abbiamo oltre 2 milioni di lavoratori che lavorano a 6 euro all’ora lordi. Ci sono riders che corrono e fanno incidenti anche mortali e guadagnano 4 euro all’ora. Questo non è tollerabile in una economia avanzata […]“.

Inps
Inps

La palla passa al Governo

La palla su salario minimo e riscatto della laurea ora passa al Governo. L’apertura da parte del presidente dell’Inps è arrivata e nei prossimi mesi si potrebbe arrivare ad una soluzione.

Sul primo tema sembra esserci l’accordo nella maggioranza. Sul secondo, invece, ci sono ancora dei dubbi e per questo motivo difficilmente ci sarà una chiusura in tempi brevi. Naturalmente, però, la discussione è in corso e si spera di arrivare all’accordo per consentire ai giovani di continuare gli studi e di riavere fiducia nel mondo del lavoro.

ultimo aggiornamento: 25-09-2021


Franco: “Nel 2021 una crescita del 6 per cento”

Confesercenti, con la pandemia crollo delle nascite delle nuove imprese